Commenta

Pomponesco, tutto
esaurito in teatro
per la Lega Nord

pompo_ev

Nella foto, Gianni Fava e Giancarlo Giorgetti in teatro a Pomponesco

 

A livello comprensoriale, Pomponesco ha ribadito ieri sera di essere il comune più legato ad un partito, la Lega Nord, e stretto al suo onorevole, Gianni Fava.

Il Carroccio ha fatto registrare il tutto esaurito al Teatro 900, ieri sera, per la presentazione dei propri candidati Irvano Loatelli (in lista per la Regione), Giovanni Cavatorta e Gianni Fava (in corsa per uno scranno a Montecitorio).

Il tutto sotto l’influsso notevole del “big” Giancarlo Giorgetti, ex presidente della Commissione Bilancio alla Camera dei Deputati. Gianni Fava ha esordito dicendo che oltre agli errori commessi, il programma della Lega non è cambiato: gli ideali sono gli stessi di vent’anni fa, con l’aggiunta di una maggiore determinazione nel lottare per conquistare in Regione ciò che non è stato raggiunto in Parlamento.

Definendo senza rilievo il recente progetto di aiuti europei verso l’Italia, Cavatorta si è dichiarato un filo commosso rilevando che “se siamo ancora qui vuol dire che le nostre idee sono buone”.

Irvano Loatelli ha puntualizzato che la sua professione di medico di base servirà a garantire il costante  impegno verso la questione sanitaria del territorio facendo leva sul motto “entusiasmo, onestà, impegno”.

Giorgetti ha invece ricordato come il progetto della “devolution” sia stato affossato da un referendum nefasto e che poi dalla vendita massiccia dei bond italiani da parte della Deutsche Bank siano iniziati tutti i guai per il nostro Paese. “Ma io ammiro la Merkel che sa difendere i suoi interessi a differenza di noi. Per questo lottiamo, per creare una macroregione lombarda con Maroni presidente. In caso contrario non sapremo come venirne fuori”: ha concluso Giorgetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti