Commenta

Malvezzi (Pdl) attacca:
“Pd vero problema
dell’Oglio-Po”

malvezzi-ogliopo_ev

“I tagli ai costi della Sanità sono imposti dallo Stato non dalle Regioni, attraverso le misure di Spending review volute dal governo e in particolare dal ministro della Sanità Renato Balduzzi. Tutti i parlamentari, compreso l’onorevole Pizzetti, lo sanno bene”. É la reazione di Carlo Malvezzi, candidato Pdl alle prossime elezioni regionali, alle parole dell’onorevole Luciano Pizzetti, che aveva etichettato come “l’ultima trovata del centrodestra” la volontà regionale di mantenere intatti i tagli, che se non ricadranno sull’Oglio-Po finiranno sulla gestione dell’ospedale Maggiore di Cremona.

“La riduzione dei primariati e delle spese per la sanità – precisa Malvezzi – deriva da chiare disposizioni nazionali. La Lombardia, come tutte le altre regioni, è chiamata a dare attuazione a tali provvedimenti attraverso linee guida inviate alle direzioni generali delle strutture ospedaliere per raggiungere gli obbiettivi prefissati”.

Malvezzi attacca il Pd: “Gli esponenti del Partito Democratico facciano chiarezza con se stessi e con la popolazione casalasca. Prima alimentano rischi di chiusura smentiti dalle azioni di Regione Lombardia, che invece sceglie di preservare ed investire nella struttura ospedaliera dell’Oglio Po. Poi, dopo la figuraccia, accusano chi ha subito i tagli dallo Stato di penalizzare il nostro territorio. La realtà  è più semplice – conclude Malvezzi -. Né l’attuale governo regionale né il prossimo che sarà retto dalla medesima coalizione di centrodestra ha mai avuto intenzione di smantellare l’ospedale Oglio Po. Al PD che non governerà la regione non resta che la solita, stucchevole, inutile propaganda senza costrutto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti