Commenta

Doppio sisma di
magnitudo 2.3 e 2.1
nel viadanese

sisma_ev

Ieri sera, venerdì 22, due terremoti distinti hanno riguardato parte del comprensorio Oglio-Po, interessando soprattutto l’area viadanese.

Il primo, delle 21:58, di magnitudo 2.3 e con profondità 30,4 km, ha avuto tra i comuni più vicini all’epicentro Pomponesco e Viadana, oltre a diverse località reggiane distanti meno di dieci chilometri dall’epicentro: Boretto, Brescello, Cadelbosco di Sopra, Campegine, Castelnovo di Sotto, Gualtieri, Poviglio. Tra i dieci e i venti chilometri di distanza dall’epicentro, vi sono Commessaggio, Dosolo e Sabbioneta.

Il secondo evento tellurico, delle 23:08, di magnitudo 2.1 e con profondità 24,9 km, ha avuto tra i comuni più vicini all’epicentro ancora Viadana, anche se la provincia col maggior numero di località entro i dieci chilometri dall’epicentro del sisma è stata ancora una volta Reggio Emilia: interessate Boretto, Brescello, Campegine, Castelnovo di Sotto, Gattatico e Poviglio.

Questo secondo terremoto è avvenuto non distante da Casalmaggiore, Martignana di Po, Rivarolo del Re, Spineda, Commessaggio, Dosolo, Pomponesco e Sabbioneta, tutti comuni rientranti nella fascia delle località distanti tra i dieci ed i venti chilometri dal sisma.

Prima delle due scosse che hanno riguardato il comprensorio Oglio-Po, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha registrato un sisma di magnitudo 2.4 con epicentro nella già vessata località modenese di Finale Emilia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti