Commenta

Viadana, l’estremo
saluto al camionista
Andrian Dirzu

funerale_ev

Grande partecipazione questa mattina a Viadana per il funerale con rito ortodosso di Andrian Dirzu, il camionista di origine moldava schiantatosi col suo mezzo contro un pilone del ponte a Pieve di Saliceto, lunedì scorso.

Padre Dimitri Doleanschii ha celebrato il rito nella tradizione tipica della popolazione dell’est attorniato da tantissima gente moldava con canti e preghiere intercalate da frequentissimi segni della croce.

Una simbologia che rispetto a quella cattolica prevede di sfiorare con le dita chiuse a pugno la fronte, il petto e prima la spalla destra invece della sinistra, ripetendo due volte consecutive il gesto.

Accanto alla bara tante piccole candele gialle, un bicchiere pieno di caramelle e due brioches al cioccolato. Ad un certo punto la moglie, che aveva sempre mantenuto un contegno quasi glaciale con il volto pietrificato ha perso le forze ed è stata adagiata su una sedia.

Davanti al cimitero di Cicognara diverse motrici della ditta Storti di Casalmaggiore (presente il titolare col figlio) che all’arrivo della bara hanno cominciato tutte a suonare il clacscon contemporaneamente in segno di estremo saluto al  giovane collega morto in quella maniera tragica.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti