Commenta

Pomì e Rugby Viadana
in finale: domenica
di passione per l’Oglio Po

cuello-rowland_ev

Il Rugby Viadana è strafavorito per il Trofeo Eccellenza, il Volley Pomì Casalmaggiore forse no, ma ha tutte le carte in regola per ribaltare un pronostico comunque incerto e portare a casa la Coppa Italia (sarebbe la seconda in quattro anni) di serie A2.

Alla vigilia parlano i tecnici, coloro che dalla panchina dovranno indicare la retta via in questo atto finale di due trofei prestigiosi. Coloro che, soprattutto, hanno studiato nel dettaglio schemi, formazioni, segreti e magari scaramanzie nella settimana che porta al giorno x: domenica 17 marzo 2013, domani.

La Pomì scende in campo alle 0re 14.30 al Pala Whirpool di Varese; il Rugby Viadana, mezzora dopo, alle 15 allo Stadio Zaffanella, ovvero in casa. Una domenica di passione per l’Oglio Po e i suoi sportivi, da vivere praticamente in contemporanea.

Claudio Cesar Cuello, coach delle rosa, tra scaramanzia e statistica, lascia all’Ihf Volley Frosinone il ruolo di favorita: “Hanno appena battuto Ornavasso, che non è l’ultima arrivata e, soprattutto, hanno un ruolino di marcia da primi della classe. Se non avessero perso gare di troppo nel girone di andata, adesso sarebbero primi con 5-6 punti di vantaggio su tutte le altre squadre. Hanno vinto otto gare consecutive in campionato (ultimo ko a San Casciano il 26 dicembre, ndr) e nell’anno nuovo hanno perso solo contro Novara nella semifinale d’andata di Coppa Italia (mercoledì 13 febbraio, ndr). Noi, per certi versi, vogliamo ricalcare il loro cammino: stiamo costruendo un progetto di gioco nuovo, con una difesa forte, una componente caratteriale di alto livello e una certa capacità di sorprendere a livello tattico. Per farlo chiedo alle veterane del gruppo di aiutare le nostre giovani giocatrici. Solo con un giusto mix, andremo lontano”.

Che finale sarà? “Come tutte le finali sarà tesa: conterà scaricare bene la tensione, conteranno i dettagli. Attenzione: nervosismo e paura di non essere all’altezza sono normali, sono sentimenti umani e devono esserci. Ma dopo la prima palla si capirà presto chi riuscirà a metabolizzare meglio la componente psicologica”.

Papa Bergoglio, argentino come lei, tiferà Pomì? “Beh” sorride Cuello “bisogna chiedere a Mario Martinez Regulo, coach di Frosinone, se è d’accordo. E’ argentino pure lui”.

Passiamo a Viadana, a Rowland Phillips, che così presenta la finale del trofeo Eccellenza contro la Mantovani Lazio, battuta nettamente in campionato. “Abbiamo preparato la partita come tutte le altre, anche se siamo consapevoli che è una finale e quindi soggetta a dinamiche differenti soprattutto sul profilo emozionale. Affrontiamo una formazione attrezzata negli avanti con un buon pacchetto di mischia mentre tra i trequarti dovremo fare attenzione all’estro ed all’imprevedibilità di alcuni atleti bravi nell’uno contro uno come per esempio il centro Carl Manu”.

Lo scacchiere del Rugby Viadana è pronto: i gialloneri scendono in campo con tre atleti in prima linea la cui età media è di 22 anni. Nel XV titolare spicca la presenza di Liviu Pascu ad aumentare le opzioni in touche. Contestualmente il metamen del campionato Gonzalo Padrò si sposta in sala motori in seconda linea, con l’ex Pelizzari terzo centro. Nei trequarti il triangolo allargato è composto da Fenner, Robertson e Sintich mentre la mediana è occupata dal duo ApperleyCowan.

Il match tra Rugby Viadana e Mantovani Lazio sarà in diretta dalle ore 15 su Cremona 1, canale 211 del digitale terrestre. Pomì-Frosinone, invece, sarà trasmessa da Rai Sport 1 (canale 57), che seguirà il match a partire dalle 14.30.

Alessandro Soragna-Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti