Commenta

Alberto Cerri: l’astro
nascente del calcio
è figlio di un ex Casalese

cerri-padrefiglio_ev

Nella foto la Casalese 1994-1995 (Davide Cerri è il quarto da sinistra in piedi) e, a destra, Alberto Cerri

Chi si ricorda Davide Cerri, talentuosa ala destra della Casalese che conquistò la serie D a metà anni ’90 con Ernesto Foglia mister? Oggi i tifosi casalaschi hanno un motivo in più per rimembrare le imprese di quella squadra, una delle più forti mai costruite presso la Baslenga.

Cerri, infatti, come noto è residente a Sissa, in provincia di Parma ma a meno di 20 chilometri da Casalmaggiore. E il suo cognome, negli ultimi tempi, è tornato alla ribalta calcistica grazie al figlio di Davide, Alberto, classe 1996. Il ragazzo, una promessa del calcio italiano, è il bomber degli Allievi Nazionali del Parma Calcio e si è messo in mostra non solo per il fisico da corazziere (davvero invidiabile per un calciatore non ancora maggiorenne) o per le doti da bomber.

Alberto infatti è il capitano della nazionale italiana under 17 che, con l’ex Parma e l’ex Nazionale Daniele Zoratto in panchina, ha appena superato la favorita Olanda nella corsa all’Europeo di categoria che si giocherà in Slovacchia dal 5 al 17 maggio prossimi. Cerri, con tre gol in tre partite, è il capocannoniere della squadra alla pari di Bonazzoli, tre reti ma con sei partite già giocate.

Non è tutto: Alberto di recente (per la precisione lunedì scorso) è apparso sulla Gazzetta dello Sport in un’intervista che ha passato in rassegna tutti i talentini dell’under 17 azzurra, promesse del futuro, che nel presente possono però portare a casa una qualificazione da troppo tempo mancata dal nostro calcio giovanile. L’Italia è prima a 7 punti, con un vantaggio di tre punti sulla Norvegia. Non male e Alberto due domeniche fa è stato portato in panchina dal tecnico del Parma Roberto Donadoni nella trasferta allo stadio Olimpico di Roma. Chissà l’orgoglio di papà Davide, uno che a Casalmaggiore certo non hanno dimenticato.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti