Un commento

Diciannove alberi
saranno abbattuti
dopo il monitoraggio

viale-alberato_ev

Diciannove alberi saranno abbattuti nel mese di aprile sul territorio comunale di Casalmaggiore: dopo l’ok della giunta comunale, che arriverà nelle prossime ore, l’Ufficio Ambiente del comune potrà partire con i lavori, resi necessari dal cattivo stato e dalla scarsa solidità delle alberature in questione.

Si tratta di un’operazione ripetuta nel tempo, grazie al lavoro dell’agronomo cremonese Gabriele Panena, che da anni ormai collabora con l’amministrazione casalese, censendo gli alberi che si trovano sul territorio comunale e trovando i cosiddetti punti deboli.

In particolare il monitoraggio portato avanti negli scorsi mesi e che nella giunta odierna verrà discusso da sindaco e assessori, ha evidenziato la criticità per quanto concerne diciannove esemplari: per la maggior parte pioppi, ma anche tigli e persino un acero nel parco adiacente al Polo Romani, in via Trento. Le operazioni di abbattimento saranno portate avanti principalmente in zona Lido Po, nel parchetto che si affaccia sul Grande Fiume, in viale Mazzini, in via Corsica e nella frazione di Casalbellotto: tutto questo per evitare che tali alberi, già malati, possano cadere mettendo così a repentaglio lo stesso passaggio di pedoni o automobili.

Le operazioni partiranno ad aprile, tempo permettendo, almeno per quanto concerne le situazioni più pericolose, come fa sapere Uber Ferrari dell’Ufficio Ambiente del comune di Casalmaggiore. Prima però servirà il nulla osta della giunta comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • FRANCO MANFREDI

    Vorrei segnalare che sarebbe necessario valutare anche l’addattimento di n.3 pioppi del “campetto” di via Nino Bixio (retro caserma carabinieri) in quanto si tratta di un tipo di pianta di dimensioni(altezza) eccessiva, non adatta al contesto urbano quanto piuttosto adatta agli ampi spazi della golena. A maggio l’aria si riempie di piumini e in autunno le foglie ostruiscono tetti e grondaie con i conseguenti costi per evitare ostruzioni delle stesse.