Commenta

La Diotti incontra
Breda (Olanda)
Ecco l’accoglienza

breda-diotti6_ev

Canti, poesie, musica. E per finire l’Inno alla gioia, il simbolo, per quanto concerne l’arte delle sette note, dell’Europa. Questo i cardini della cerimonia di accoglienza di 29 ragazzi olandesi, del liceo Mencia de Mendoza di Breda, giunti oggi a Casalmaggiore.

Dopo essere scesi dal pullman, i 29 studenti, tutti di età compresa tra i 13 e i 14 anni, sono saliti al secondo piano della scuola media Diotti, dove il comitato di accoglienza, guidato dalla professoressa di inglese Daniela Romoli, ha regalato loro una bella sorpresa. Un coro di sole ragazze, tutte con la bandiera olandese dipinta su una guancia, ha infatti intonato cori di benvenuto seguendo i suggerimenti del maestro Palmiro Froldi, mentre la piccola banda della scuola, diretta da Daniele Marasi, ha avuto l’onore di esibirsi per prima, suonando l’inno olandese e subito dopo quello italiano, in un’ideale abbraccio musicale.

“Here we are”, “Eccoci” ha poi esordito Daniela Romoli, che ha provveduto a illustrare il programma della cinque giorni (da domani a sabato mattina, con visite significative a Genova e Venezia): come già scritto in precedenza (vedi link a fondo pagina) questa visita è una sorta di rendez-vous, che segue la settimana passata dai ragazzi casalesi (31 in tutto) in Olanda pochi giorni fa.

Per la Diotti si tratta di un progetto ad ampio respiro, dato che la scuola media di Casalmaggiore è inserita nel Comenius, che mette in contatto scuole svedesi, francesi, inglesi, polacche, finlandesi e, ovviamente, olandesi. Sempre in questi giorni e sempre a proposito di Europa, una delegazione dello stesso istituto è in Francia, a Guilherand-Granges, con esponenti dell’amministrazione comunale di Casalmaggiore: al culmine di questa esperienza verrà apposta la firma bilaterale sul gemellaggio tra le due cittadine.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti