Commenta

Rapina e violenza
in un’osteria: viadanese
legata a una sedia

osteria-la-piana-ev

Nella foto, l’osteria La Piana di Poviglio dov’è stato commesso il crimine

Un malvivente col volto coperto da un passamontagna entra nell’osteria “La Piana” di Poviglio, nel reggiano, nella notte fra venerdì e sabato, chiede i soldi dell’incasso al titolare, Vittorio Paterlini di 55 anni, minacciandolo di morte e aggredendolo fisicamente. Tramortito, il proprietario del locale viene chiudo in un bagno con le mani legate. Nell’osteria lavora anche Mariana Cosenza, 37enne residente a Viadana: il bandito la immobilizza legandola ad una sedia.

Il locale viene quindi messo a soqquadro: il rapinatore ruba l’incasso, circa 2500 euro, facendo quindi man bassa di prodotti alimentari e non solo, caricando tutto su un’auto, con cui fugge dal locale.

A chiamare il 112 è il titolare, che riesce a liberarsi dai legacci ed uscire dal bagno. Pure la donna viadanese si libera: non riporta ferite ma è in uno stato di comprensibile shock emotivo.

La peggio spetta al 55enne proprietario dell’osteria, che a causa della colluttazione violenta col malvivente riporta diversi traumi fisici: l’indomani ricorrerà alle cure del Pronto Soccorso di Montecchio.

A “La Piana” intervengono i Carabinieri del nucleo di Guastalla, che fanno scattare immediatamente la caccia all’uomo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti