Commenta

Viadana, Portanuova
in tackle sulla delibera
“Poca professionalità”

portanuova-ev

Anche la Lista Civica Portanuova interviene sul caso della delibera votata da un Assessore in realtà mancante, che ha scosso il consiglio comunale di Viadana, creando nuovi malintesi anche all’interno della stessa maggioranza.

“A seguito della pubblica denuncia del Capogruppo Pd” spiega la Lista Civica Portanuova nel comunicato stampa “per l’errata delibera di giunta sul numero dei presenti, si sono susseguite sulla stampa locale le conferme degli assenti (assessori Pd Viscusi e Federici) e le giustificazioni più o meno plausibili del Sindaco definendolo un semplice errore formale.

Errore che oggi scopriamo riguardare anche la Delibera sul Giudice di Pace, il ché non conforta ma alimenta sempre più i dubbi, quanto meno, di professionalità dei dirigenti e funzionari coinvolti, gli stessi che in Consiglio Comunale cavillano su ogni questione dimostrando di essere ben preparati quando necessario.

Fatti politicamente gravi se consideriamo che, per non essersene accorti, i due Assessori assenti potrebbero non essere nemmeno stati informati di queste due importanti delibere, soprattutto quella sulla Biblioteca che riguarda proprio le competenze del neo assessore Viscusi la quale, dopo sei giorni, non ne ha fatto menzione rispondendo in Consiglio Comunale al proprio Capogruppo ad un’apposita interpellanza.

Ricordiamo che tutte le delibere vengono prese in sedute presiedute dal Sindaco con la presenza fisica, oltre che dei singoli Assessori, anche del Segretario Comunale che ne certifica la validità e, nel caso della delibera sulla biblioteca, ottenendo pure il parere del Dirigente dell’Area Amministrativa.

Troppe persone coinvolte per un semplice errore formale e troppi errori formali in delibere e atti correlati con somme e importi errati come denunciato dal capogruppo Udc Ferreri nel merito dei conteggi riferiti alle spese per il nuovo Urp o come riscontrato nel Piano triennale delle Opere Pubbliche, ripubblicato più volte per correggere errori a ripetizione. Tutto ciò si aggiunge alla mancanza di progettualità e di indirizzo politico di questa Giunta che naviga sempre più in solitaria potendo solo vantare il merito di essere riuscita a mettere tutti all’opposizione, compreso la sua maggioranza.

Ciò sta portando solo al logoramento politico del Pd, oltre che della città, lasciando presagire che il tutto possa far parte di una strategia politica di qualcuno per cui il bene comune non rientra certo tra le sue priorità. Perseguire su questa strada è da irresponsabili, soprattutto quando la crisi economica e sociale richiederebbero maggiore coesione e partecipazione in scelte condivise ovvero l’esatto contrario di ciò che questa Amministrazione sta dimostrando di fare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti