Un commento

Tazebao artigianale
a Cicognara: sotto
attacco Penazzi e Anzola

cicognara_ev

Un cartellone scritto a mano, con un pennarello nero e con nove foto a corredo. Un tazebao artigianale affisso, ovviamente senza i permessi che in questi caso occorrerebbero da parte del comune, davanti alle scuole elementari di Cicognara, frazione di Viadana.

A fare discutere, tuttavia, più dell’affissione illegale, saranno senza dubbio i contenuti: sotto attacco finiscono infatti Giorgio Penazzi e Dario Anzola (scritto “Azzola” nel cartello per un errore ortografico), rispettivamente sindaco e vicesindaco di Viadana, per la gestione, a detta di qualche cittadino, deleteria in particolare della frazione. Non si conosce il mittente di questo cartello, ma di certo non è qualcuno vicino, politicamente e amministrativamente parlando, alla giunta comunale.

Il cartello, come detto, è corredato da nove foto in tutto, che testimoniano, nelle intenzioni di chi ha realizzato il collage, le brutture della frazione: in qualche caso le strade piene di buche non asfaltate, in altri l’erba alta vicino agli incroci stradali, oppure la sporcizia lasciata ai lati della strada senza essere rimossa. E, ancora, le condizioni non certo di salute di alcuni alberi vicini alle poste. Ogni foto ha una brevissima didascalia che indica dove è stata scattata, con la precisazione in particolare della via.

La parte scritta, invece, è un invito fortissimo ai cittadini: “Cicognaresi svegliatevi”, si legge nel cartello. “Il nostro sindaco e il vicesindaco Dario Azzola ha ridotto (citiamo direttamente nonostante l’errore, ndr) il nostro paese in condizioni pietose (vedi foto). Quando andrete a votare ricordatevi i loro nomi se volete ancora Cicognara in queste condizioni. Dovrebbero vergognarsi”. La campagna elettorale a Viadana sembra ancora lontana (salvo ribaltoni), ma questa scelta, tanto rustica e casereccia quanto pesante, sicuramente farà discutere non poco.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • LULU’

    Diciamo che l’amministrazione trascura parecchio le frazioni.