Commenta

Giovanni Bozzini primo
casalasco alla guida
del Cna Cremona

bozzini-ev

Si è svolta giovedì sera presso la sede della CNA di Cremona in via Lucchini 105, l’Assemblea Provinciale Elettiva dell’Associazione che ha eletto Giovanni Bozzini Presidente Provinciale. Il Presidente Bozzini, che succede a Massimiliano Montani, è il primo casalasco a guida dell’Associazione provinciale e rimarrà in carica per i prossimi 4 anni.

Fausto Cacciatori, Presidente Regionale dell’associazione, ha presieduto l’Assemblea che ha portato al rinnovo delle cariche, affiancato dall’ex Presidente della CNA provinciale e lombarda Tarcisio Viscardi, da Giuseppe Ghisani ex Presidente della CNA e dal Direttore Bruno Cavagnoli.

La relazione di apertura è spettata al candidato Presidente Giovanni Bozzini, che ha illustrato i punti salienti del programma che intende realizzare nel corso del suo mandato. “Il Paese sta affrontando un grande periodo di crisi – afferma Bozzini – e CNA, a tutti i livelli, non è immune a turbolenze economiche e finanziarie, è quindi necessario reagire, perseguendo con motivazione e tempismo, scelte e strategie innovative e di grande cambiamento. La complessità dei temi in discussione e la pluralità delle situazioni, da tenere sotto controllo da un punto di vista logico e metodologico, ci hanno convinto a presentare un documento programmatico che s’ispiri alle indicazioni nazionali ma che trovi un concreto sviluppo a livello territoriale. Uno sviluppo che sappia guardare in tante direzioni, dalla tutela alla rappresentanza, allo sviluppo dei servizi con forti azioni di aggregazioni, ai rapporti con le istituzioni. Bisogna riprendere in modo strategico e da protagonisti i rapporti istituzionali, politici, socio economici e finanziari. CNA deve ritornare protagonista nei tavoli dove vengono valutate le strategie territoriali. Un dialogo particolare va ripreso con le amministrazioni comunali per concertare comuni azioni di protesta e trattare sulle discrezionalità impositive a favore delle imprese. Le tassazioni locali IMU, TARES, IRAP ancorchè con obblighi governativi, lasciano parziali discrezionalità di applicazione agli Enti Locali, per tale motivo vanno rivitalizzati rapporti costanti. Vanno strette alleanze con le istituzioni, oggi arginate a ruolo di esattori, e con i rappresentanti istituzionali per far giungere comuni proteste laddove sono compiute le scelte”.

Eletta giovedì sera anche la nuova Presidenza Provinciale che è composta da Corrado Boni, Vice Presidente  uscente e titolare di un’agenzia di assicurazione; Stefania Milo, Presidente di CNA Giovani Imprenditori Lombardia e titolare di un’agenzia di comunicazione; Alessandro Ratini, imprenditore cremasco nel campo della cosmesi; Francesco Toto, liutaio cremonese e Vittorio Venturini Vice Presidente uscente e titolare di una legatoria.

L’Assemblea ha proseguito eleggendo i componenti della Direzione Provinciale e dei delegati alle Assemblee Regionale e Nazionale che si svolgeranno nei prossimi mesi. Delegati di diritto per l’Assemblea Regionale sono: il Presidente Bozzini, il Vice Presidente Venturini Vittorio, Cacciatori Fausto, Milo Stefania e Voltolini Luca. A questi si aggiungono gli eletti che sono Boni Corrado, Chironi Opimio, Tarenzi Daniele, Toto Francesco e Viscardi Tarcisio.

All’Assemblea Nazionale oltre al Presidente Bozzini che è membro di diritto parteciperà anche Alessandro Ratini, eletto ieri sera dall’Assemblea Provinciale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti