Commenta

Comunali ’14 a Gussola,
da una festa la spinta
per unire la sinistra

festa-ev

Nella foto, un momento della festa al Parco Comunale di Gussola

Una festa ben riuscita rilancia le ambizioni della sinistra a Gussola. “Sinistra in Festa” by Sinistra Ecologia e Libertà si è chiusa lunedì sera, una 5 giorni che ha fatto registrare grandi numeri. Diverse centinaia di persone ai tavoli ogni sera a gustare le ottime specialità preparate dalla cucina, ben 70 volontari tutti del paese, e musica per ogni gusto sul palco del Parco Comunale.

E’ la notte tra lunedì e martedì, sono quasi le 2 di notte quando tutti se ne sono andati, restano come sempre i fedelissimi (che non devono alzarsi troppo presto per lavorare, ovvio) che dovranno smontare tutta la notte, e tra questi non può mancare Sante Gerelli, anima da decenni della sinistra gussolese. Uno che certamente deve ancora digerire la sconfitta che oltre un decennio fa estromise per la prima volta la sinistra dalla guida dell’amministrazione comunale, da allora mai più ripresa. Allora vinse l’oggi assessore provinciale Leoni, ora primo cittadino è Chiesa.

Gerelli, oggi SEL, è ufficialmente uscito dalla contesa politica, ma chi lo conosce sa che ha il polso della situazione, almeno a sinistra, e con fiducia fa un proclama che sembra più un annuncio che una speranza: “Il prossimo anno finalmente la sinistra si presenterà unita”. Gerelli non vuole entrare nei dettagli, ma sembra che abbia potuto cogliere un clima di maggiore apertura da parte dei suoi, e probabilmente ha già abbozzato qualche contatto col gruppo del PD che oggi è rappresentato in consiglio comunale in minoranza. La frammentazione con cui si è presentata l’area progressista è stata decisiva in passato per le tre sconfitte maturate, nel 2014 si cerca una compattezza per tornare in sella in quello che fu uno dei “comuni rossi” per eccellenza. FOTOGALLERY

Vanni Raineri


© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti