Commenta

Portanuova e Lista Penazzi
ai ferri corti: attacchi
su tutta la linea

gialdi-vigili-ev

Nella foto, Gialdi in Consiglio e la caserma dei Vigili del Fuoco di Viadana

“A nome della lista civica del Sindaco, Scalari e Villirillo non hanno nemmeno avuto l’intuizione di leggere quello che gli è stato proposto a loro firma, altrimenti qualche correzione al “loro” comunicato per pura dignità personale l’avrebbero apportata”. Non si è fatta attendere la controreplica della Lista Civica Portanuova alle accuse della Lista Penazzi. Il gruppo che sostiene il sindaco aveva bollato come “soluzioni impercorribili” quelle proposte da Simonetta Gialdi e Stefano Rocchi in merito alla caserma dei Vigili del Fuoco. Ora, il ping pong accusatorio continua. Ecco come prosegue il comunicato della Lista Civica Portanuova.

“Vederli poi così sicuri in questioni tecniche, prescrizioni, disposizioni legislative e regolamenti ci sembra quasi impossibile che siano gli stessi che tutti conoscono: evidentemente il meglio lo danno allo scritto. Fingono di non sapere che la nuova Caserma dei Vigili del Fuoco è contestata da gran parte delle forze politiche (quelle vere) locali compreso il maggior partito che sostiene il Sindaco, cioè quello che con i propri voti consente ancora a questa amministrazione di poter dar prova delle proprie “capacità” e a qualcun’altro di poter avere occasione per dire “merito anche nostro!”. Forse nemmeno gli è stato riferito che il loro Sindaco ha già pubblicamente ammesso che l’attuale caserma non è a rischio, sconfessando tutte le prescrizioni ultimative e ricevendo il plauso del capogruppo PD, contrario alla nuova caserma e favorevole all’acquisizione dell’attuale sede. Ignorare queste dichiarazioni e tutti gli appelli fatti anche da altre forze politiche per concordare prima con i sindaci dei comuni limitrofi come, dove e con quali risorse affrontare il problema, sta a dimostrare che l’attacco a Portanuova è mirato, puramente strumentale e privo di buon senso. Meglio se i due si attivassero contro lo stato di degrado in cui versano strade, piazze, portici, scuole, parchi e argini della città e delle frazioni in soli due anni di questa loro amministrazione anziché cimentarsi in difese d’ufficio su questioni di cui non hanno competenza e giuste informazioni. E’ d’uopo ricordare loro che Portanuova non cerca errori inesistenti di funzionari ma, purtroppo, li trova leggendo e studiando (a differenza di altri) gli atti pubblicati ed evidenziandoli per dovere istituzionale. Fuori luogo invece la difesa di un assessore santificato per  “una miriade di voti e preferenze conquistati” essendo una chiara forzatura che sicuramente imbarazzerà più di una persona e ne farà indignare tante altre. Anche per questo speriamo non arrivi dalla bellissima terra di Calabria un’altra telefonata di qualche vacanziero ignaro di questi comunicati contro Portanuova”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti