Commenta

Un anno di pena e
di 600 euro di multa
al topo d’appartamento

TRIB

Un anno di arresti domiciliari e seicento euro di multa: questo il risultato del patteggiamento avvenuto nel corso del processo per direttissima che ha visto protagonista in Tribunale a Cremona Daniel Szulc, 26enne di origini polacche residente a Casalmaggiore che nella notte di domenica aveva portato a termine un furto in un appartamenti di via Porzio.

Il giovane, seguito dall’avvocato Santo Maugeri, ha confessato in aula quanto accaduto, confermando la ricostruzione fatta dagli uomini dell’Arma. Szluc si è introdotto all’interno dell’abitazione di via Porzio senza scasso (la porta d’ingresso non era stata chiusa a chiave dai residenti) ed una volta nell’appartamento si è impossessato del contenuto di due portafogli. Circa 400 euro l’ammontare del furto. Soldi che il polacco aveva già in gran parte speso al momento dell’arresto.

I Carabinieri, su segnalazione dei vicini di casa dei proprietari dell’appartamento violato, non hanno esitato nel recarsi in via del Lino, dove abita il giovane che corrispondeva alla descrizione fisica e di vestiario fornita agli uomini dell’Arma. Il 26enne ha confessato subito il crimine, restituendo la parte restante del bottino.

Avendo il 26enne precedenti specifici, l’avvocato Maugeri non ha potuto chiedere la sospensione della pena, che col patteggiamento è di un anno di domiciliari e 600 euro di multa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti