Commenta

Pomì ok a Montichiari
Fra alti e bassi,
vittoria in cinque set

pomi-montichiari-ev

Non è sicuramente assomigliata all’uscita spigliata e disinvolta esibita al cospetto della Rebecchi Piacenza ma l’amichevole sostenuta con la Sanitars Metalleghe Montichiari ha visto la Pomì Casalmaggiore ancora vincente. Un successo, quello delle ragazze di Alessandro Beltrami, arrivato al quinto set e che conferma come in questa fase di preparazione le formazioni siano soggette ad alti e bassi proprio a causa della condizione fisica ancora precaria. E’ stato tutto in salita l’inizio della formazione casalasca il cui impatto con la gara non è dei migliori. Aggressiva, viceversa, la squadra bresciana che getta da subito sul parquet agonismo e buona predisposizione d’insieme, segnalandosi in particolare in difesa e a  muro ed andando ad aggiudicarsi il primo parziale con un netto 25-16. La Pomì, partita con lo stesso sestetto di Piacenza, ovvero Agrifoglio in regia, Zago opposta, Stevanovic ed Aguirre centrali, Lipicer e Bacchi di banda, Sirressi libero, subisce una sonora strigliata da parte del tecnico Beltrami che sortisce un benefico effetto. Finalmente padrona della situazione nel secondo parziale la Pomi, il gioco delle rosa è decisamente migliore e con esso il rendimento della squadra, Zago e Bacchi iniziano a fare il ritmo e Montichiari si vede agganciare. Sull’1 a 1 la padronanza della Pomì si fa evidente, straripante la superiorità delle casalasche che, grazie ad un buon servizio e ad una fase d’attacco ficcante e potente, lasciano le avversarie a dodici punti. In questo parziale, fa il suo ingresso Olivotto che rileva Aguirre. Dal quarto set spazio anche agli altri effettivi con Grazietti per Lipicer e Quiligotti per Sirressi, Olivotto prende il posto di Stevanovic. In questo frangente si registra il ritorno di Montichiari diretta in regia da una buona Milani, sostituta di Corna, le bresciane finiscono col prevalere 25-21. Combattuto il quinto parziale che la Pomì si aggiudica 13-15.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti