Commenta

Tangenziale, sarà
lunedì 14 l’atteso
incontro pubblico

listone-tangenziale-ev

Nella foto uno degli ultimi incontri sulla tangenziale, organizzato dal Listone

E’ senza dubbio uno dei temi caldissimi del momento a Casalmaggiore e nel territorio casalasco: la tangenziale rischia infatti di spostare pedine (e consensi) pure a livello politico e, soprattutto, potrebbe spingere a neutralizzare del tutto l’esigenza della Cremona-Mantova, autostrada che, da queste parti, per molti viene considerata grande opera superflua.

I due piani sono distinti, come ha avuto più volte modo di precisare Cesare Vacchelli, del comitato no Tibre e no Cr-Mn, ma è evidente che le possibilità di intersezione non mancano. Intanto per discutere della tematica è stato organizzato e finalmente fissato un incontro che porrà attorno a un tavolo anche l’amministrazione casalese, dopo che diversi meeting già si sono tenuti tra i rappresentanti del comitato, i cittadini, lo stesso sindaco Claudio Silla. Ma anche il Listone, seconda forza politica casalese, ha parlato di tangenziale in uno dei suoi ultimi incontri. Insomma, un nodo che non mancherà, comunque vada, di sollevare opinioni, pro e contro. Anche Umberto Ambrosoli, consigliere regionale in visita a Casalmaggiore venerdì, ha spiegato di non essere contrario alla moratoria sulla Cremona-Mantova: non è la stessa cosa della tangenziale, come visto, ma non è nemmeno un tema così alieno.

L’incontro è stato fissato per lunedì 14 in Auditorium Santa Croce a Casalmaggiore. Il titolo “Tangenziale subito” lascia poco spazio alla fantasia e soprattutto fa intendere in modo forte ed evidente il pensiero degli organizzatori: tra questi il sindaco e l’amministrazione comunale di Casalmaggiore, il coordinamento No autostrade Tibre e Cr-Mn, il coordinamento comitato Ambientalisti Lombardia, il gruppo Salviamo il Paesaggio e l’associazione Persona-Ambiente.

La tangenziale, si precisa nel manifesto di invito, dovrà essere realizzata con soldi pubblici e lontana dalle case, l’esatto contrario, secondo i promotori, della Cr-Mn, finanziata “in modo subdolo” dai soldi dei contribuenti e dal rialzo dei pedaggi autostradali. Interverranno oltre a Claudio Silla, anche il presidente della Provincia di Cremona Massimiliano Salini (tra i sostenitori della Cr-Mn), l’assessore provinciale al Territorio Giovanni Leoni e Cesare Vacchelli in rappresentanza dei comitati sopra citati. Saranno presenti, però, anche consiglieri regionali, parlamentari e sindaci del territorio. Un evento, dunque, da non perdere, per provare a fare chiarezza e capire se davvero la tangenziale può essere un “regalo” dietro l’angolo dopo tanti (troppi?) anni d’attesa. E se, soprattutto, da sola potrà distogliere l’attenzione dalla Cr-Mn, che il casalasco sembra desiderare sempre meno…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti