Commenta

Silla al Listone:
“Radici comuni”. Ma è
presto per alleanza

municipio-comune-casalmaggiore-ev

Nella foto, il municipio di Casalmaggiore

Dopo l’incontro con l’ex sindaco Luciano Toscani, nel corso del quale il Listone ha aperto la porta a Matteo Renzi quale segretario nazionale del Pd ma chiuso, per ora, la possibilità di presentare un candidato alle eventuali primarie Pd (ipotesi già tramontata: i democratici hanno scelto di puntare ancora su Claudio Silla), la seconda forza nelle amministrative 2009 ha incontrato giovedì sera in comune l’attuale amministrazione.

Un incontro che ha visto una folta delegazione da parte della giunta (e dei sostenitori della stessa), mentre nel Listone si sono registrate, ad esempio, le defezioni dei consiglieri (Carlo Gardani era impegnato a Milano in una delle riunioni della Rete del Civismo di Ambrosoli). Questo particolare ha fatto registrare un certo disappunto da parte dei “silliani”, in particolare di Mario Daina. Puntualizzazione che ha fatto arrabbiare i “listoniani” presenti: “Noi non siamo di serie B” hanno risposto.

Dopo il nervosismo iniziale, il colloquio è scivolato via più liscio: sui contenuti e sui programmi s’è verificata una certa convergenza e, dal Listone, fanno sapere di avere apprezzato in particolare gli interventi dell’assessore Pierluigi Pasotto e di Stefano Prandini, professore riconducibile all’area di Rifondazione Comunista. Ha partecipato per pochi minuti Carla Visioli, assessore al Bilancio, prima di abbandonare la sala. Una critica rivolta da Silla al Listone è stata quella di dialogare con Lega e Ferroni. “Noi dialoghiamo con voi, perché riconosciamo radici comuni” avrebbe spiegato il primo cittadino. Il Listone ha risposto che, in nome della trasversalità rivendicata dalla lista, non vengono fatte esclusioni a priori, specie se si tratta di confrontarsi.

Alla luce di questo primo incontro, comunque, è presto per parlare di alleanza. Il Listone, a proposito di incontri, si troverà con i vertici della Lega Nord il prossimo martedì, giorno che segnerà un’altra tappa delle “consultazioni” dell’attuale forza di minoranza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti