Commenta

Distretto Bio Oglio-Po
Lunedì il progetto Pd
passerà in Regione

biologico_ev

“Bioagricoltura nell’Oglio-Po – Le ragioni del distretto rurale” è il titolo del quaderno che contiene lo studio per l’istituzione di un distretto rurale nel territorio a confine tra Cremona e Mantova che verrà presentato lunedì 28 ottobre 2013, alle 11, nella Sala del Gonfalone, a Palazzo Pirelli, in via F. Filzi 22, a Milano.

Presiede l’incontro Agostino Alloni, consigliere regionale del Pd, presenta il collega Marco Carra, capogruppo in VIII Commissione Agricoltura del Consiglio regionale. Porterà il suo saluto Alessandro Alfieri, presidente del Gruppo consiliare del Pd, e interverrà Gianni Fava, assessore regionale all’Agricoltura.

Il progetto, finanziato dal Gruppo consiliare del Partito democratico, è stato realizzato da Katia Bernuzzi e Paolo Loda, che interverranno all’iniziativa. Saranno presenti i consiglieri regionale del Pd Corrado Tomasi e Giuseppe Villani, il presidente della Commissione Agricoltura Alessandro Fermi, il sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla, quello di Viadana Giorgio Penazzi, l’ex consigliere Giovanni Pavesi e i produttori biologici Valter e Lorenzo Cavalli e Guglielmina Vignoli.

“Nel territorio dell’Oglio Po, ad antica vocazione agricola, oggi è ipotizzabile inserire un elemento in grado di offrire nuove opportunità, in direzione di uno sviluppo che sempre più tenga conto dei temi della sostenibilità e del consumo consapevole – spiega Alloni –. La costituzione di un Distretto dell’agricoltura biologica va in questa direzione, perché a partire dal cibo si può costruire un modello economico e sociale nuovo. Questa è la proposta che oggi vogliamo rendere pubblica. Ci sarà bisogno di un’opera di analisi, di studio e poi di discussione, di confronto per arrivare a decisioni consapevoli e condivise”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti