Commenta

Viadana, anime Pd
d’accordo: nessuna
alleanza con la Lega

viadana-municipio-ev

Nella foto, il municipio di Viadana

Qualcuno ha già parlato di “inciucio” a Viadana, riguardo alle ipotetiche alleanze tra la Lega e una parte del Pd locale. L’indiscrezione, che già ronzava nei giorni precedenti le rivelazioni giornalistiche ma che adesso si è diffusa a macchia d’olio, ha sollevato infinite curiosità e perplessità.

Fabrizio Nizzoli segretario del circolo Pd di Viadana, alla richiesta di esprimere una considerazione a proposito delle indiscrezioni uscite risponde che “una risposta seria presuppone un discorso articolato che non può esimersi prima di tutto dal capire da che fonte giunga questa notizia”. Proseguendo nel dire che “nella politica come nella vita tutto può accadere”, ma aggiungendo subito dopo che “se dovesse accadere non mi troverei d’accordo con l’amico Pavesi a meno di un cambio radicale nella politica della Lega”. “Non sarei d’accordo e non lo seguirei” ribadisce nel timore di non essere stato abbastanza chiaro.

Paolo Zanazzi, anima e cuore dell’altra parte del Pd viadanese e capogruppo consiliare, da parte sua non condivide l’orgoglio del capogruppo leghista Giovanni Cavatorta nel rivendicare un ruolo di centralità politica solo per il fatto che qualcuno abbia pensato di coinvolgere la Lega. “Se le indiscrezioni riguardo presunti accordi tra esponenti storici del Pd e la Lega fossero confermate, non posso che esprimere la mia netta contrarietà e dissenso che è pure quello dei tanti iscritti al nostro partito a cui non sfuggono le differenze culturali e ideologiche esistenti tra queste due forze popolari. Anche ammettendo che in passato esponenti  della sinistra pure a Viadana hanno imboccato la via della Padania. Ma questo non giustifica in alcun modo la proposizione di scenari politico amministrativi futuri. Sarebbe utile capire – conclude Zanazzi – se queste nuove strategie carbonare riguardino un futuro non molto lontano nella previsione di un pensionamento anticipato del sindaco Penazzi oppure se questa ipotesi diventi la novità politica viadanese in vista di un nuovo mandato amministrativo al termine della scadenza di quello che vede il sindaco in carica a cui sarei molto curioso di chiedere quale sia la sua opinione al riguardo”.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti