Commenta

Subì grave infortunio
sul lavoro allo zuccherificio:
cinque condanne

tribunale-eridania-ev

Nella foto, a sinistra lo stabilimento di San Quirico e a destra il Tribunale di Parma

Abdelaziz Essahouli, 42enne di origini marocchine residente a Casalmaggiore, in seguito ad un infortunio sul lavoro verificatosi il 9 settembre 2010 presso lo stabilimento Eridania Sadam di San Quirico di Trecasali, in provincia di Parma, perse la gamba destra e riportò lesioni gravi a quella sinistra. Mercoledì, in Tribunale a Parma, l’operaio ha ottenuto parziale giustizia: cinque condanne e un’assoluzione è l’esito della chiusura del processo penale che vedeva il 42enne vittima e parte lesa e sul banco degli imputati diversi vertici dello zuccherificio parmense. Cinque in tutto, dei quali solo il legale rappresentante di Eridania Sadam, Piero Tamburini, è stato assolto.

Tutti condannati invece gli altri imputati, dal direttore dello stabilimento Carmine Aurilio al suo vice Roberto Tommaso, passando per il responsabile dell’area manutenzione  Ettore Baroni, sino all’amministratore della cooperativa di facchinaggio per cui lavorava Abdelaziz Essahouli, ovvero la CM Group di Viadana. Quest’ultimo, Abdellah Najem, residente a Casalmaggiore era difeso in tribunale dall’avvocato Paolo Federico Novellini. L’altra condanna è per la stessa società Eridania.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti