Commenta

Piedini grigiorossi,
tifo positivo sin
dal primo giorno

piedini_ev

Nella foto, la presentazione dell’iniziativa

La Cremonese entra nel reparto di Ginecologia dell’ospedale Oglio Po di Vicomoscano per scritturare nuovi talenti. Potrebbe apparire un po’ troppo prematura l’iniziativa della società calcistica considerando che fino ai sei anni di età nessun vivaio è in grado di prendere in considerazione l’ingaggio di nuove leve.

E allora cosa ha studiato l’Ufficio marketing della squadra? L’intento è di creare attaccamento ai colori sociali grigiorossi nelle famiglie del territorio, coinvolgendone i componenti sin dal primo giorno di vita. Così come è stato fatto lunedì mattina quando due incaricati della società con sede in via Persico hanno consegnato deliziose scarpette di lana grigiorosse alle mamme dei bimbi appena nati, nel caso specifico una donna ghanese che aveva appena messo alla luce una bimba chiamata Annabella e una signora del Marocco che ha dato alla luce il piccolo Yasser.

“Il progetto Piedini grigiorossi” hanno spiegato Daniela Fioni e Federico Dall’Asta dell’Ufficio marketing e comunicazione della Cremonese nasce dal desiderio di promuovere sin da giovanissimi una cultura del calcio positivo oltre che l’amore e la passione per i colori della squadra della propria città”. Per quattro mesi, da dicembre a marzo a tutti i nati nei due ospedali del territorio (Cremona e Casalmaggiore) verrà fatto dono delle scarpette grigiorosse unitamente ad una lettera di auguri dell’Us Cremonese e ad un messaggio di benvenuto ai nuovi nati.

All’iniziativa è legato anche un concorso fotografico al quale potranno partecipare le mamme che vorranno fotografare i piedini dei loro piccoli con indosso le speciali calzine e inviare le istantanee per la pubblicazione sul sito internet della Cremonese. All’inizitiva ha risposto positivamente la direttice generale degli istituti Ospedalieri Simona Mariani, mentre all’Oglio Po erano presenti il direttore sanitario Rosario Canino, il primario di Ginecologia Mauro Melpignano e la caposala del reparto.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti