Commenta

“I colori della nebbia”
fotografati da
Briselli e Giovannini

colori-nebbia-ev

Nella foto, la copertina del libro

“I colori della nebbia luci, ombre, incantesimi della terra e del Po” è il titolo del libro, con le fotografie scattate dal martignanaese Luigi Briselli e di Arrigo Giovannini, mantovano di Gonzaga, che sarà presentato a Palazzo Fracassi di Guastalla sabato 14 dicembre, alle ore 17. Si tratta di un libro fotografico di grande formato, in carta patinata, 160 pagine con 120 immagini a colori, stampato in edizione unica in italiano e inglese. Alla presentazione di sabato prossimo interverranno l’assessore alle Culture e identità della città Eugenio Bartoli e gli autori dei suggestivi scatti raccolti nel volume.

La nebbia in questo fuggevole fran­gente artistico diviene strumento nelle mani sapienti del fotografo tan­to quanto la macchina fotografica, che s’arrovella nel voler catturare sfumature, colori, dimensioni e sfac­cettature di un universo che trascen­de il reale per ricomporsi in un altrove nel quale si concretizza una favola so­gnata e risognata, vista e rivista mille volte e pur carica di elementi costanti di scoperta e di stupore. Fuggevole perché l’istante fotografato subito scompare, sovrastato e superato da un altro, un altro e un altro ancora, in una stordente rincorsa senza spazio. Senza tempo. E intanto si guarda, si assapora, si gode la condizione onirica che tra­suda dalle lattiginose atmosfere e opacizzate forme. Il titolo di questo volume illustra efficacemente non soltanto i contenuti, ma anche il mo­vente culturale cui Luigi Briselli e Ar­rigo Giovannini si sono affidati senza ripensamenti. L’apparente banalità dei “colori della nebbia” si stempera in una ricerca di straordinario vigore, caricandosi di toni di un’intensità che colpisce; di più: coinvolge. E’ una sinfonia, nella quale due stra­ordinari interpreti si misurano in un vorticoso ensemble di sentimenti e di immagini, qualche volta metafisico, altre volte introspettivo, altre anco­ra mirato a definire un linguaggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti