Commenta

Capodanno senza furti
Spadano: “Ma non
cantiamo vittoria”

cc_ev

Un Capodanno da “pace dei sensi”. Così Cristiano Spadano, capitano dei carabinieri di Casalmaggiore, racconta la serata tra il 31 dicembre e il 1° gennaio, ma anche i giorni precedenti e successivi. Giorni in cui, di solito, a scatenarsi non sono soltanto coloro che festeggiano nelle piazze, nelle discoteche, o in qualche viaggio in giro per il mondo, bensì i ladri, che amano colpire proprio in questo periodo, in cui le abitazioni si svuotano e sono dunque meno controllate. Ecco perché, una volta tanto, a fare notizia è una non-notizia, ossia l’assenza pressoché totale di furti, o almeno di furti denunciati alle forze dell’ordine casalesi.

“Non abbiamo ricevuto segnalazioni” spiega Spadano “se non qualche problema legato agli schiamazzi. Ordinaria amministrazione. Temevamo, invece, furti a raffica e situazioni di questo genere, ma per ora tutto ha funzionato bene ed è stato un ultimo dell’anno particolarmente tranquillo”. Spadano glissa sulla situazione e sulla polemica dei botti, limitandosi a dire che non ci sono stati ferimenti o problemi a persone e animali, poi si augura di non doversi rimangiare la parola nei prossimi giorni. “So che qualcuno è partito per le ferie, approfittando del lungo periodo festivo: mi auguro che al ritorno queste famiglie non trovino sorprese che per ora rimangono giocoforza nascoste”.

Insomma, guai a cantare troppo forte o troppo presto vittoria. Anche se, in periodo di crisi, i pochi (o tanti?) a essere andati in vacanza sembrano proprio essere stati i ladri…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti