Commenta

San Francesco, quale
destino per la muraglia?
Cantiere sempre fermo

muraglia_ev

Nella foto, la muraglia in via Cavour

CASALMAGGIORE – Quale sarà il destino della famosa muraglia accanto alla Chiesa di San Francesco al centro di tenaci contestazioni (soprattutto politiche) sino a qualche mese fa? Da un po’ di tempo non se ne sente più parlare e l’opinione pubblica si chiede quindi cosa possa essere accaduto dopo le polemiche che hanno addirittura portato alla raccolta di firme per bloccare il progetto relativo alla sua demolizione.

C’era stato persino un geometra, ex dipendente comunale, che ogni giorno per diversi mesi si metteva seduto sotto un albero nei pressi della muraglia sia per illustrare alla gente le motivazione della protesta sia per impedire fisicamente che qualcuno iniziasse i lavori di demolizione. L’impedimento era motivato sia dall’importanza strutturale della costruzione molto simile nello stile alla facciata della chiesa che si trova subito a fianco, sia dalla vetustà della medesima. Ad avanzare la richiesta di eliminare tale recinzione era stata la società interessata alla realizzazione di un condominio con negozi in prossimità, alla quale sarebbe servito lo spazio della muraglia, onde ottenere dei posti per il parcheggio e dare maggior visibilità alla struttura in fase di realizzazione.

Da diverso tempo però l’edificio è fermo e il cantiere pare abbandonato. “Si tratta” come spiegano in Municipio “di una semplice  interruzione che va avanti da diverso tempo forse perché la società è in attesa di vendere un lotto di terreno collegato”. Smentita invece l’ipotesi che il costruttore abbia abbandonato l’idea di realizzare l’opera. Le licenze edilizie sono soggette a scadenze temporali che però rimangono ugualmente rinnovabili entro i quattro anni. E comunque i timori e le ipotesi circa la muraglia non dovrebbero più angustiare la popolazione in quanto il no al suo abbattimento è già stato confermato dalla commissione edilizia comunale.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti