Commenta

“Si chiude un’epoca”:
il Bar Italia
cambia gestione

bar-italia-ev

Nella foto, il Bar Italia di Casalmaggiore

CASALMAGGIORE – Dal Bar Italia al Bar Cina? La prospettiva sembra proprio essere questa. Un altro duro colpo al commercio del centro di Casalmaggiore. Forse il colpo più duro. Chiariamolo subito: quella che annunciamo non è una chiusura, ma l’avviso di subentro è già arrivato sul tavolo dell’Ufficio Licenze del palazzo comunale: il Bar Italia, a ore, cambierà padrone. Se è vero che la notizia della chiusura della vecchia gestione, che ancora ruotava attorno alla figura del compianto Vito Scandiariato, scomparso lo scorso 19 ottobre, era nell’aria da tempo, al centro dell’attenzione c’è ora l’identità della successione alla guida dello storico esercizio di Galleria Gorni, in piena piazza Garibaldi. E’ stato trovato un accordo tra i soci proprietari e nuovi investitori cinesi, che sono in effetti stati visti nelle scorse settimane ai tavolini dello stesso bar.

Il 3 febbraio il bar abbasserà le saracinesche: di fatto la gestione uscente sta vivendo le sue ultime ore. Il giorno dopo arriverà la firma dal notaio per l’acquisizione da parte degli imprenditori con gli occhi a mandorla del locale, o meglio della licenza dato che l’immobile resterebbe in affitto. Come noto gli acquirenti da Oriente stanno arrivando a frotte in Italia negli ultimi anni, per investire a fronte della disponibilità di capitale fresco: ma l’acquisto del Bar Italia, anche solo per il nome che porta oltre che per il gran numero di avventori che sono passati in quel locale in questi anni, può essere considerato un evento epocale. Tanto che le stesse bariste del Bar Italia organizzano proprio per la serata di lunedì un aperitivo di congedo: “Ebbene sì, si chiude un’epoca ed un’istituzione, lunedì 3 Febbraio 2014, dopo 17 anni…”, scrivono le ragazze su Facebbok per presentare “Un brindisi di saluto, a quello che era e sarà sempre nelle nostre memorie il Bar Italia, ed un altro altrettanto importante al ricordo di Vito, che per questo bar ha dato tutto!”. L’appuntamento è dalle ore 18,30 alle 20,30.

A Casalmaggiore un locale nella zona attuale del Bar Italia esisteva già dagli anni ’50: si trattava del Caffè Sport da Armando. Poi arrivò il Bar Pergola (con annessa balera). Negli anni ’60 comparve il primo Bar Italia, che però era in via Cavour e faceva concorrenza all’oratorio. Con la successiva costruzione della Galleria Gorni, infine, il trasferimento nell’attuale posizione. La gestione di Vito Scandariato, ben voluto da tutti e vero e proprio centro catalizzatore del locale è stata l’ultima in ordine di tempo ed è durata oltre quindici anni: tutti la ricordano con affetto. Ma adesso il cambio della guardia è maturo e non mancherà di fare parlare.

A margine un’altra novità, sempre in piazza: il negozio di abbigliamento Kiwi chiuderà i battenti il 17 maggio e in questi ultimi mesi liquiderà tutto. Il negozio, peraltro, era passato alla ribalta della cronaca nel luglio 2013 per l’esposizione di un cartello polemico, che invitava i cittadini a comperare e ad approfittare dei saldi, perché solo così l’economia poteva girare, non certo, come si leggeva nel cartello, per i “bla bla” dei politici di Roma e Bruxelles. Al momento non ci sono invece conferme sulla chiusura della Gastronomia Bodini, in via Cairoli, altro negozio storico, sempre a pochi metri dal centro: da mesi campeggia il cartello “Vendesi” in verità, ma all’Ufficio Licenze di Casalmaggiore non è giunta alcuna comunicazione ufficiale. Resta inteso che la fisionomia di piazza Garibaldi sta cambiando: e qualche “crepa” in più rischia seriamente di aprirsi.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti