Commenta

Cambio in sella
all’Avis Pedale
Casalasco

avis-pedale-casalasco-silla-ev

Nella foto, da sinistra: Cerati, Silla, Rosalino Scappini, Tascarella, Cesare Scappini

CASALMAGGIORE – Quarant’anni di Avis Pedale Casalasco, ventisei dei quali con in sella Cesare Scappini, presidente di lungo corso che passa il testimone ad un altro Scappini, Rosalino. Un passaggio di consegne soft, in famiglia si direbbe, che non implica rivoluzioni e ribadisce la volontà dell’associazione di voler proseguire nel solco di una tradizione quarantennale. La visione pionieristica di chi creò il sodalizio, si traduce oggi in un gruppo di appassionati della bicicletta (sessanta circa) che hanno saputo dare vita ad un movimento ad ampio respiro premiato anche dal plauso dell’amministrazione comunale.

Presidenti uscente ed entrante sono stati accolti in sala giunta dal sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla e da due membri dell’amministrazione comunale tesserati Avis Pedale Casalasco: il presidente del consiglio comunale con delega allo Sport, Calogero Tascarella, e il consigliere Claudio Cerati. Un’occasione buona per annunciare le nomination fatte dal comune casalese al Coni per le Stelle d’Oro al merito sportivo, che riguardano da vicino proprio l’Avis Pedale Casalasco, segnalato come società storica. Tra i dirigenti, è stata scelta Grazia Buttarelli del Joy Volley.

L’associazione ciclistica casalasca festeggerà i quarant’anni con appuntamenti tradizionali come la gara di Mountain Bike “Trai boschi del Po”, che si disputerà ad agosto in golena e con novità assolute come il gemellaggio su due ruote con una trentina di ciclisti che verranno a Casalmaggiore da Guilherand Granges, ‘sorella’ francese del capoluogo casalasco. Non solo. L’Avis Pedale, da sempre impegnato in manifestazioni come Bicincittà, sarà tra i promotori di un evento che riguarda la neonata associazione Gioca in Bici Oglio Po, riservata a giovani e giovanissimi: il 13 aprile, a Casalmaggiore, si terrà una gara per ciclisti esordienti che si snoderà lungo un circuito cittadino. Dai grandi ai piccoli dunque, nel segno dell’articolo 1 dello statuto dell’Avis Pedale Casalasco, che si richiama alla pratica del ciclismo, quello sano, e alla diffusione dei valori positivi dello sport.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti