Commenta

Casalmaggiore, ecco i 9
speed check. Silla:
“Per la sicurezza”

speedcheck-ev

Nella foto, la conferenza stampa di mercoledì pomeriggio per presentare l’iniziativa

CASALMAGGIORE – Circa 17mila veicoli al giorno transitano in media sul tratto cittadino casalese della strada Asolana. Tra questi, secondo le ultime rilevazioni condotte dalla Polizia locale di Casalmaggiore nell’ottobre scorso, vi sono mezzi che hanno sfrecciato a velocità elevatissime: in alcuni casi il limite dei 50 km/h più che superato è stato polverizzato. Venerdì 25 ottobre 2013, ad esempio, un autista ha toccato i 150 km/h tra via Molossi e via Repubblica. In generale, la media delle velocità con cui i veicoli (auto, camion, moto) sono transitati sull’Asolana, a Casalmaggiore, nel periodo in cui è stato fatto il monitoraggio, supera il limite consentito dei 50 km/h. Di poco per la direzione Cremona-Parma: 51km/h; di più per la direzione Parma-Cremona: 56 km/h. Sulla base di questi dati, che vedono un’incidenza del 13-15% del traffico pesante su un totale di 17276 veicoli conteggiati lunedì 28 ottobre 2013 (8934 in direzione Parma, 8342 verso Cremona), si fonda la volontà dell’amministrazione comunale di Casalmaggiore di adottare i cosiddetti ‘speed check’ e di sposare il progetto ’Noi Sicuri’.

“Si sono finalmente create le condizioni per far partire questo progetto – ha spiegato il sindaco Claudio Silla in sede di presentazione dell’iniziativa – e trauna decina di giorni avremo installato lungo l’Asolana, dalla rotonda Sereni di Vicobellignano a quella Conad in centro città, sette ‘velo ok’. Altri due verranno posizionati sulla strada comunale tra Casalmaggiore e l’abitato di Motta San Fermo”. Nove speed check, un solo obiettivo: “Adottare un sistema efficace di moderazione del traffico su di un tratto stradale che divide in due Casalmaggiore ed è interessato quotidianamente da utenze deboli, pedoni e ciclisti sia grandi che piccini. Per noi è importante tutelare la sicurezza di questi cittadini”. A spiegare come funzionerà il nuovo sistema ‘velo ok’, il comandante della Polizia locale di Casalmaggiore Silvio Biffi: “All’interno di queste colonnine arancioni non vi sono dispositivi elettronici. Sarà una pattuglia di vigili a posizionarvi un autovelox bidirezionale, segnalandolo e presidiando la zona”. Deterrenti sì, ma anche controllori: gli speed check forniranno agli agenti i dati relativi al traffico in transito per Casalmaggiore.

Il tutto, ad un costo di circa 5000 euro, comprensivo di installazione, noleggio velo bidirezionale e iniziative di sensibilizzazione nelle scuole e non solo. Ad occuparsi di quest’aspetto sarà ’Noi Sicuri’: “Forniamo un supporto agli enti locali – ha spiegato il direttore del progetto Paolo Goglio – per migliorare la percezione del controllo e la sicurezza sulle strade. Attraverso attività teoriche e su strada, con l’ausilio anche di psicologi del traffico, avvieremo anche a Casalmaggiore percorsi nelle scuole e non solo per sensibilizzare gli utenti della strada, anche quelli futuri, e diffondere la cultura della sicurezza”.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti