Commenta

Si è spento il casalese
Nemmo Bolsi, dipendente
modello ai Tributi

bolsi_ev

Nella foto Nemmo Bolsi e il comune di Casalmaggiore, dove per anni aveva lavorato

CASALMAGGIORE – Il comune di Casalmaggiore piange Nemmo Bolsi, spirato nella giornata di domenica all’età di 93 anni all’ospedale Oglio Po, dopo avere trascorso gli ultimi mesi di vita come ospite presso la casa di riposo Busi di Casalmaggiore. Proprio qui, lo scorso San Valentino, aveva festeggiato assieme alla moglie Alina Caletti i 64 anni di matrimonio: i due formavano infatti una delle cinque coppie più longeve presenti nella struttura.

Ma a Nemmo Bolsi è legato soprattutto il ricordo della sua attività nel campo dell’amministrazione comunale e del volontariato. Dipendente comunale, tra gli anni ’70 e ’80, lavorò presso l’Ufficio Ragioneria del comune e divenne presto responsabile dell’Ufficio Tributi: fu sempre scrupoloso e mise a punto un sistema di controllo tributi davvero ottimale sotto tutti i punti di vista, che riscosse molti apprezzamenti dai vari sindaci che lavorarono con lui. Bolsi fu anche segretario amministrativo dell’Avis e poi della Croce Rossa, dove teneva i conti in ordine, proprio grazie a questa sua grande capacità nel “fare di conto”. La sua attività di volontariato, comunque, spaziò anche nel campo dei passatempi e del divertimento: negli anni ’60 e ’70 gestì, assieme all’associazione ex Combattenti, la balera che si trovava nella sala Lido Po, mentre da anni era affiliato all’associazione Tiro a Segno, che ha voluto ricordare Nemmo con un manifesto funebre.

Il 93enne lascia la moglie Alina, il figlio Wanni, la nuora Daniela, gli adorati nipoti Elena e Davide, la sorella, le cognate e i parenti tutti. I funerali di Nemmo Bolsi saranno celebrati martedì alle 14.30 presso la chiesa di San Leonardo a Casalmaggiore: la salma partirà dall’ospedale Oglio Po, dove lunedì alle 17.45 sarà recitato un Santo Rosario alla memoria.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti