Commenta

Uno spettacolo
a Scandolara omaggio
a don Luisito Bianchi

scandolara-fattinger-biblio-ev

Nella foto, il recente spettacolo con la partecipazione di Federico Fattinger a Scandolara Ravara

SCANDOLARA RAVARA – Un omaggio a don Luisito Bianchi, sacerdote, missionario e romanziere di Vescovato, per presentare “Viaggio sulle corde della memoria” e il progetto “Obsculata fili”. Lo spettacolo si terrà domenica 23 marzo alle 17,30 presso la Sala Polivalente di via Marconi a Scandolara Ravara.

L’impegno e l’entusiasmo dei ragazzi e degli artisti attraverso la danza, il canto, i costumi, la musica, la poesia, la recitazione, vogliono far vivere le opere di don Luisito Bianchi, sotto la direzione di professionisti nelle varie discipline. Lo spettacolo è inserito nel progetto “BiBlioCafé”, che ha tra gli obiettivi, quello di promuovere la biblioteca come luogo di aggregazione.

Il progetto voluto dal Comune di Scandolara Ravara, è articolato su più livelli e più attività, per coinvolgere le scuole dei comuni che hanno aderito, e stimolare nei più giovani la voglia di leggere e di confrontarsi con i libri e le biblioteche, anche in forme accattivanti e innovative. E’ un progetto che si propone di generare «coesione sociale tra i cittadini» quello proposto dall’Unione dei Comuni Municipia insieme ai Comuni di Gussola, Martignana Po e Torricella del Pizzo, attraverso le rispettive biblioteche e con la collaborazione della cooperativa Umana Avventura. L’idea alla base di tutte le attività proposte all’interno della progettualità è quella di rendere la biblioteca un luogo aperto e maggiormente fruibile che diventi sempre più un fattore di benessere.

Per ogni specifica realtà sono state poi selezionate particolari fasce di utenza per le quali sperimentare azioni innovative. L’azione “Everywhere: fateci spazio in biblioteca” in particolare mira ad arricchire l’offerta tradizionale con attività effettuate anche al di fuori del “luogo Biblioteca”, che stimolino i ragazzi e le famiglie ad avvicinarsi ad un modo di intendere la cultura il più accattivante possibile. All’interno di ciò si inserisce questo splendido spettacolo: “Viaggio sulle corde della Memoria”

Dopo aver proposto a Luisito Bianchi l’idea e ottenuta la sua approvazione, vi è stato il coinvolgimento entusiastico da parte dell’autore Laura Denti, di professori, di maestri, di professionisti e di ragazzi dell’istituto di moda IPIALL, del liceo musicale “A.Stradivari”, della scuola di danza, canto, musica recitazione TeatroDanza e del PosainOpera Ballett, che hanno dato vita al progetto, nell’intenzione di disegnare un doppio ponte tra il passato nella tradizione, con il presente e il futuro, dandosi disponibili per i progetti che di volta in volta vengono contestualizzati ai luoghi o agli eventi.

I professionisti interpellati hanno così aderito con rinnovata convinzione, dopo le rappresentazioni del 13 Gennaio 2013 presso il teatro Monteverdi di Cremona, il 25 maggio 2013 a Vescovato, il 28 e 29 Settembre 2013 all’Auditorium ACLI per l’inaugurazione della cittadella delle ACLI, a questo nuovo progetto di “Obsculta fili”, arricchito di ulteriori contenuti e artisti.

Artisti e insegnanti che collaborano:

  • Paola e Silvia Posa con i collaboratori coreutici della scuola “Teatrodanza” di Cremona.
  • Federico Fattinger cantante, pianista, compositore.
  • Marta Cataldi cantante ballerina
  • Francesca Montuori, Giulio Gerevini attori
  • Il PosainOpera Ballet compagnia formata da 11 ballerine professionali con la direzione artistica di Paola Posa, e una band di quattro elementi con la direzione musicale di Roberto Pascucci.
  • I professori del Liceo Musicale “A. Stradivari” di Cremona, Pietro Triacchini, Simone Porcellini, Francesco Molmenti, Pier Giuseppe Genalizzi, per la preparazione del coro, dell’orchestra e di studenti solisti.
  • Le professoresse Ilaria Visioli, Elena Spadari dell’Istituto di moda IPIALL di Cremona, per la realizzazione dei costumi.
  • Alessia Vicardi regista, attrice, cantante.

L’intento del progetto è far conoscere la figura e il pensiero di Luisito Bianchi declinato nei vari linguaggi delle discipline artistiche, quali la danza, i costumi, il canto, la musica, la recitazione; corde comunicative per esprimere, con la sensibilità e la partecipazione attiva dei giovani, i suoi messaggi universali.

 

© Riproduzione riservata
Commenti