Commenta

Rugby Viadana, addio
a coach Phillips
dopo quattro stagioni

zanichelli-philipps_ev

Nella foto Zanichelli e Phillips

VIADANA – Termina dopo quattro stagioni l’esperienza italiana di Rowland Phillips, head coach degli Aironi prima ed oggi guida tecnica del Rugby Viadana. Giunto in riva al Po nel 2010 con mansioni legate principalmente alla difesa nel contesto della franchigia in Celtic League e successivamente promosso a capo allenatore, il tecnico gallese ha legato il proprio nome, al termine dell’avventura in Pro12, a quello del Rugby Viadana centrando subito il Trofeo Eccellenza 2012/2013 e mancando l’approdo alla finale scudetto dopo aver vinto la regular season in campionato.

Rowland Phillips ha così voluto ringraziare quella che è stata casa sua per quattro anni importanti: “Ho imparato ad amare Viadana ed i viadanesi in questi quattro anni. Da loro ho ricevuto molto calore che ha alleggerito il peso della distanza dalla mia famiglia. Credo che sia giunto però il momento di mettere un punto a questa splendida esperienza e fare ritorno in Galles per poter stare vicino a mia moglie e vedere giocare i miei figli, entrambi grandi appassionati di questo splendido sport. Viadana per molti versi mi ricorda Neath dove è iniziato il mio percorso rugbystico come atleta ed allenatore. Una città non troppo grande, ma colma di passione per il rugby, dove la palla ovale è senza dubbio uno degli argomenti preferiti dalla gente. Non è solo una questione sportiva o strettamente legata al rugby, ma anche uno stile ed una scelta di vita. Per questo motivo è molto triste per me lasciare il Rugby Viadana, nonostante un altro anno di contratto, anche per le molte amicizie nate dentro e fuori dalla società. Sono molte le persone che vorrei ringraziare a partire da chi ha guidato il Rugby Viadana e gli Aironi Rugby, cioè Silvano Melegari. Se la permanenza qui è stata speciale per me lo devo anche ai molti giocatori che ho avuto la fortuna di allenare in questi quattro anni, i componenti dello staff ed i tifosi, i tanti tifosi legati a questo club. Il fatto di annunciare in anticipo la mia volontà di tornare a casa al termine di questa stagione, rappresenta per me uno stimolo in più ad ottenere il massimo da questo campionato. Ho chiesto ai giocatori di dare il 100%, ma prima che a loro sono io a dover dare tutto il possible per questa società che ha creduto in un progetto che ha avuto il merito, tra gli altri,  di lanciare molti giovani promettenti che rappresentano una risorsa importante per il presente ed il futuro del rugby viadanese. Concludo sottolineando quanto sia importante e prestigioso questo club a livello nazionale e spero che il mio contributo abbia in qualche modo portato ad un’ulteriore crescita”.

Antonio Zanichelli (Amministratore unico Rugby Viadana) ha salutato l’head coach giallonero: “Ho appreso solo nei giorni scorsi la decisione di Rowland (Phillips, n.d.r.), peraltro compresa e condivisa, di fare rientro in Galles dopo quattro anni trascorsi a Viadana. A lui vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto con la massima professionalità. Ha aggiunto quell’esperienza che ha maturato in contesti ben più elevati rispetto al nostro (Galles, Ospreys, n.d.r.) ed ha permesso al nostro club di fare importanti passi avanti. Nell’augurargli buona fortuna per il suo futuro – continua Zanichelli – ci tengo a ringraziarlo personalmente a nome di tutto il Rugby Viadana”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti