Commenta

Udc, Trespidi incontra
le liste civiche e
Ferroni corteggia Zaramella

trespidi

Nella foto, Giuseppe Trespidi

CASALMAGGIORE – “Gianpietro Zaramella rappresenta un pilastro del passato del comune di Casalmaggiore e conosce bene la storia di quanto accaduto in quel castello. Noi che vogliamo rinnovare non possiamo non tenere conto delle fondamenta”: con queste parole Orlando Ferroni gioca d’anticipo rispetto all’incontro che si terrà domenica su suolo casalese tra il segretario provinciale Udc, Giuseppe Trespidi, e le liste civiche maggiorine. Un summit che vedrà Casalmaggiore per la Libertà in prima linea per tentare di portare nella propria lista l’ex segretario comunale. “I colloqui con Zaramella vanno avanti da più di un anno – spiega Ferroni -. Si tratta di una persona preparata che conosce la realtà del territorio. Perché va bene l’innovazione, ma per governare un comune come Casalmaggiore bisogna anche conoscere quanto fatto sinora. E chi meglio di Zaramella ha competenza per farlo?”. Da par sua, Gianpietro Zaramella, che sabato mattina era nella sede di Casalmaggiore per la Libertà, rimanda ai prossimi giorni l’eventuale decisione: “Si sta valutando l’opportunità di aderire alla lista, tenendo conto delle dinamiche delle altre civiche”.

Nell’attesa di capire quale strada sceglierà l’Udc, pare allontanarsi la proposta di unione del centrodestra lanciata da Ferroni durante la presentazione del Nuovo Centro Destra in Santa Chiara. “Il nostro candidato sindaco è il sottoscritto – ribadisce Orlando Ferroni – ma la proposta non è inamovibile. Siamo aperti al dialogo con Listone, Ncd e Lega Nord, non imponiamo la mia candidatura a tutti i costi, però, o si ragiona in termini di equità oppure è unitile”. Il pensiero di Ferroni va soprattutto all’alleanza Ndc-Lega, che a Casalmaggiore è orientata a sostenere Filippo Bongiovanni candidato sindaco di una lista civica. Per sedersi allo stesso tavolo anche solo a parlare, Casalmaggiore per la Libertà vorrebbe determinate garanzie. Se Ncd e Lega proponessero Bongiovanni candidato sindaco e lasciassero spazio a Orlando Ferroni come vice? “Sarebbe un inizio di dialogo”. “Noi non siamo mossi da ideali politici – precisa Ferroni -, ma dalla passione per il nostro territorio. A volte siamo anche andati contro al centrodestra, come ad esempio per il nucleare”. “Guardiamo ai programmi – precisa Fabio Ferroni, che tesse rapporti ed eventuali alleanze per la lista -. Per il bene di Casalmaggiore ci confrontiamo con tutti, a partire dal Listone. Anche con il Movimento Cinque Stelle, col quale ci siamo appena conosciuti”.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti