Commenta

Resta, candidato sindaco
autoctono: “Niente
voli pindarici”

resta-candidato_ev

Nella foto la presentazione del candidato sindaco Resta

BOZZOLO – La lista civica che ha scelto il luogotenente (ex comandante della stazione di Carabinieri di Bozzolo oltre che del reparto Radiomobile di Cremona) Giacomo Resta quale candidato sindaco di Bozzolo lo ha fatto per un rigurgito di campanilismo. “Non potevamo accettare che Bozzolo fosse governata da persone venute da fuori (Cerasale e Torchio gli altri due candidati alla poltrona di primo cittadino, ndr)” hanno detto i sostenitori del maresciallo, il quale ha respinto le insinuazioni che dirigere una caserma non fosse la stessa cosa che governare una popolazione di 4500 cittadini.

“Metterò la stessa grinta e la stessa determinazione che hanno caratterizzato la mia carriera nell’Arma. Anche perché vorrei essere il sindaco di tutti, nella stessa misura e impegno”. Resta ha poi sottolineato gli elementi di democrazia e trasparenza che accompagneranno la gestione amministrativa, anticipando che nessuno potrà promettere obiettivi e traguardi iperbolici che le finanze non saranno in grado di consentire. “Sarà invece preferibile andare avanti passo per passo con i piedi ben saldi a terra”.

La squadra che accompagna Giacomo Resta è composta da persone nuove ma anche da componenti della giunta precedente: questo per garantire una conoscenza delle problematiche e dei principali meccanismi di gestione amministrativa. La giovane Sara Malagola ha poi aggiunto che la lista gode di appoggi concreti da parte di varie colorazioni politiche, escludendo le parti estreme, per far capire il distacco netto nei confronti di forze schierate a sinistra. Tutto questo senza la sovrapposizione nel marchio della lista di altri simboli partitici.

In sala ad assistere alla conferenza stampa era presente anche Cedrik Pasetti, segretario provinciale della Lega Nord. Sulla questione dell’emergenza furti – a proposito, Bozzolo secondo le dichiarazioni godrebbe di una percentuale non allarmante – l’impegno del futuro sindaco sarà quello di rafforzare il sistema di controllo attraverso installazione di nuove telecamere con metodo di registrazione più efficace rispetto al passato.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti