Commenta

Il fantasy di Calanchini
con radici casalasche
Sabato la presentazione

calanchini-biblio_ev

Nella foto la locandina dell’evento

CASALMAGGIORE – Sabato 3 maggio alle ore 17 si terrà presso la sala riunioni della biblioteca civica di Casalmaggiore l’incontro con l’autore Lorenzo Calanchini che presenterà il suo ultimo libro “Il viaggio di Alyehl” (Linee Infinite Edizioni, 2013). Lorenzo Calanchini, nato a Bologna il 10 gennaio 1983 e residente a Correggio, è originario di Casalmaggiore: è infatti figlio di Nunzia Rivetti e nipote del maestro Mario Rivetti.

Oltre a “Il viaggio di Alyehl” ha pubblicato all’interno di “365 storie d’amore” e “365 racconti di Natale” di Delos Books. Il racconto per infanzia “La ricerca dello gnomo” ha vinto il concorso indetto dall’associazione universitaria Aperta_Mente di Bologna nell’anno 2002 ed è stato adattato per rappresentazioni teatrali. A parte la scrittura, altre grandi passioni culturali sono l’architettura e la musica; in senso sportivo le arti marziali e il calcio. Sposato e con due figli, cerca di districarsi nei meandri sempre più complessi del suo studio di progettazione architettonica e ingegneristica. Si è laureato in ingegneria edile e vive con la sua famiglia a Correggio (Reggio Emilia). La sua attività principale è quella di progettista architettonico, direttore lavori e coordinatore per la sicurezza, che svolge come libero professionista con lo stu­dio di cui è fondatore, Kòsmos Group. La scrittura rappresenta da anni un vero e proprio impe­gno, declinato in diversi setto­ri: romanzi, racconti, poesie.

“Il viaggio di Alyehl” è un romanzo fantasy uscito con Linee Infinite Edizioni il 16 settembre 2013. Romanzo destinato ad un pubblico young adults/adults, diviso in due parti e non autoconclusivo: a seguire, gli altri due capitoli della Saga di Alyehl. Sulla scia di un’antica profezia, la Mezzelfa Alyehl sarà costretta ad abbandonare la sua vita tranquilla nella città di Lyssha per intraprendere un viaggio contro il tempo e recuperare la Pietra del Potere, oggetto di origine divina, prima che venga utilizzato da mani sbagliate. Mentre la guerra tra il Granducato di Vlassna e gli eserciti alleati dei Territori del Nord-Ovest e degli Elfi di Ondover incombe sempre più vicina, Alyehl dovrà recarsi nella tana del nemico, accompagnata da nuovi e talvolta misteriosi compagni.

Amicizia, amore e sacrificio personale diventeranno le armi con cui la giovane Mezzelfa potrà affrontare il suo destino, spostando l’ago della bilancia per la sorte del suo mondo e diventando una pedina preziosa in uno scontro che va al di là della sua stessa immaginazione…

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti