Commenta

Il Casalmaggiore
International Music Festival
diventa maggiorenne

arvedi-festival-araldi-ev

Nella foto (@ Casalmaggiore Festival), il concerto 2013 in Auditorium Arvedi e Massimo Araldi

CASALMAGGIORE – Col concerto “Journey across Europe”, prima tappa della rassegna ‘Note dal Grande Fiume’, l’associazione Amici del Casalmaggiore International Music Festival ha presentato al pubblico la XVIII edizione al via il 7 luglio. Quest’anno -ha annunciato Massimo Araldi, Fondatore del Festival – proporremo circa cinquanta appuntamenti in alcune delle location più prestigiose nelle terre del Po, tra Cremona, Mantova e Parma. Un palinsesto musicale di grande respiro, interpretato da oltre 100 giovani talentuosi provenienti da tutto il mondo che, grazie all’amministrazione comunale e alla generosità degli imprenditori del casalasco, potranno frequentare a Casalmaggiore un training di perfezionamento unico in Europa”. “Sono estremamente soddisfatto – aggiunge Claudio Silla, sindaco di Casalmaggiore – del sodalizio nato tra l’amministrazione comunale e l’Associazione Amici del Casalmaggiore International Music Festival che ci vede uniti in un obiettivo comune, valorizzare il nostro territorio per la tradizione musicale che sa esprimere. E’ inoltre importante consolidare in Italia e oltre confine l’immagine di una Casalmaggiore ‘fucina di giovani talenti della musica classica’ anche per le significative ricadute di promozione turistica e di ritorno economico che questo sa generare”.

Il Festival, ideato nel 1996 dall’amministrazione comunale che, dal 2010, ne ha affidato l’organizzazione all’Associazione Amici del Casalmaggiore International Music Festival, è parte integrante di un percorso di perfezionamento pensato per le stelle nascenti della musica classica, che arrivano da oltre 20 paesi del mondo per frequentare a Casalmaggiore un intenso programma estivo di training unico in Europa perché focalizzato sull’affinamento delle capacità di esecuzione “dal vivo” messe alla prova con una esibizione al giorno. Grazie ad un format che fonde in un unico modello esibizione e training, Casalmaggiore ha infatti saputo attrarre ad oggi oltre mille musicisti e docenti. “E’ un piacere- conclude Anne Shih Direttore Artistico del Festival – ritornare a Casalmaggiore, un luogo veramente speciale non solo per l’alto profilo professionale dell’intera organizzazione ma anche per il clima di grande accoglienza e ospitalità che consente ai giovani musicisti di lavorare con grande gioia e passione”. Anticipato anche il calendario dell’edizione 2014 che annovera, tra l’altro il suggestivo Teatro all’Antica di Sabbioneta, città patrimonio Unesco, il moderno Auditorium Arvedi all’interno del Museo del Violino di Cremona, il Museo Diotti di Casalmaggiore, che ospita la casa-atelier del pittore neoclassico casalese Diotti e la Galleria di Arte Moderna della città; la sontuosa Reggia di Colorno, residenza nel XVII e XVIII secolo dei Duchi Farnese e poi di Maria Luigia di Parma, moglie di Napoleone; la Rocca Medici a San Giovanni in Croce, fortilizio quattrocentesco trasformato in villa dotata di un pregevole parco all’Inglese; infine la Chiesa di San Benedetto a Priorato sulla Via Francigena.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti