Commenta

I cinquant’anni
della voce di Mori
La festa in teatro

palco_reale-teatro-comunale-ev

CASALMAGGIORE – Non si terrà più nel cortile interno del Torrione Estense di Casalmaggiore bensì presso il Teatro Comunale, l’appuntamento previsto con la Grande Lirica all’interno della rassegna “Note dal Grande Fiume” (si tratta del terzo appuntamento). Il motivo? Le previste condizioni meteo avverse hanno suggerito agli organizzatori di regalare una collocazione indoor all’evento.

Sarà un concerto molto importante, dato che Casalmaggiore potrà festeggiare l’illustre concittadino Orazio Mori, uno dei maggiori baritono sulla scena nazionale. L’ingresso rimane fissato a 10 euro a biglietto e i posti non saranno prenotabili. Accanto al baritono casalese si esibirà la figlia Debora al pianoforte, il tenore Andrea Bragiotto, il mezzosoprano Isabel De Paoli e il soprano Barbara Fasol.

Il concerto lirica percorrerà le più celebri arie di grandi compositori mondiali: da Donizetti (Elisir d’Amore e Lucia di Lammermoor), a Bizet (Carmen), a Puccini (Rondine), a Verdi (Otelli, Rigoletto, La Traviata e Il Trovatore), passando anche per Offenbach (I racconti di Hoffman e La Perichole), Von Flotow (Marta), Puccini (Boheme), Giordano (Andrea Chenier), Cilea (Arlesiana).

Diplomatosi presso il Conservatorio «Arrigo Boito» di Parma, Orazio Mori ha debuttato nel 1965 nella Bohème diretta da Gianandrea Gavazzeni. Da lì ha iniziato una carriera di livello mondiale, che lo ha portato a calcare i teatri di Milano, Philadelphia, Siviglia, Roma, Berna, Barcellona, etc. Da qui l’esigenza di festeggiare i cinquant’anni di un grande casalese.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti