Commenta

Supermoto a tutto gas
sul Circuito di
San Martino del Lago

supermoto-san-martino-ok-ev

Fotogallery © Matteo Damiani

SAN MARTINO DEL LAGO – Un grande evento sportivo sta scaldando i motori nel cremonese, sul nuovo circuito internazionale San Martino del Lago, che questo fine settimana ospita i motarder giunti da ogni parte per disputare domani la quarta delle sei prove in calendario questa stagione. Tutto è pronto per le finali che domani assegneranno altri punti validi per la corsa al titolo mondiale S1 ed europeo SM2 della Supermoto. I concorrenti, dopo i vari turni di libere utili a prendere confidenza col tracciato, che ospita per la prima volta gli specialisti dello sliding, sono scesi in pista per le “time practice” che hanno delineato l’ordine di partenza per le finali di domenica.

In classe S1 il francese leader mondiale Thomas Chareyre (TM Racing Factory), dopo aver preso confidenza con i 1.700 metri (370 di off road) del tracciato cremonese ha iniziato a inanellare giri veloci sino a concludere la sua sessione con il miglior giro assoluto della sessione con 1’15.475, tempo che poi ha migliorato ancora nella spettacolare replica riservata ai migliori sei del gruppo, dove l’ex iridato è riuscito a fermare le lancette su 1’15.241, anticipando così l’altrettanto pilota pesarese Ivan Lazzarini (Honda-L30 Racing), quindi il finlandese campione del mondo in carica Mauno Hermunen (TM-SHR), l’altro transalpino ex iridato Adrien Chareyre (Aprilia-Fast Wheels), il Ceco Tomas Travnicek (Yamaha), il bolognese Christian Ravaglia (Honda Racing Assomotor), il Ceco Pavel Kejmar (Husqvarna-833 Racing Team), il piacentino Edgardo Borella (Yamaha), l’altro ceco Petr Vorlicek (Honda-SHR) e il bulgaro Angel Karanyotov (TM-Team Bulgaria) che chiude l’elenco dei migliori dieci davanti al lodigiano Andrea Occhini (Suzuki-BRT) a due lunghezze dal laziale Lorenzo Promutico (Honda).

Nella qualifica riservata all’European Championship la spunta il velocissimo pilota imolese Fabrizio Bartolini in sella alla sua performante Honda, con la quale riesce a fermare il cronometro del miglior giro in 1’17.106, che gli permette di anticipare il genovese Yuri Guardalà (Honda-IFG Gazza Racing) e, a seguire nei top ten, Sitniansky (CZE-TMTuningmotorsport), Giovanni Bussei (ITA-TM SBD Union Bike), Kingelin Asseri (FIN-ApriliaFast Wheels), Toni Klem (FIN-KTM MTR Team), Philipp Prestel (GER-KTM Bauerschmidt),Andreas Buschberger (AUT-KTM), Paolo Gaspardone (ITA-Honda IFG Gazza Racing), FredrikEriksson (SWE-Honda Bieffensmc Se).

Domenica il programma ufficiale del GP d’Italia Supermoto prevede il via alle ore 10,25 con i warm-up dell’ESM2 e a seguire quelli del mondiale S1 e dalle 12,15 il via alle finali che ci permetteranno di conoscere i protagonisti di questa quarta prova stagionale.

S1 Qualifiche (top ten): 1. Thomas Chareyre (FRA-TM Racing Factory) +01:15.475; 2. Ivan Lazzarini (ITA-Honda-L30 Racing) +01:15.610; 3. Mauno Hermunen (FIN-TM-SHR) +01:15.666; 4. Adrien Chareyre (FRA-Aprilia-Fast Wheels) +01:16.045; 5. Tomas Travnicek(CZE Yamaha) +01:16.330; 6. Christian Ravaglia (ITA-Honda Racing Assomotor) +01:16.455; 7. Pavel Kejmar (CZE-Husqvarna-833 Racing Team) +01:16.641; 8. Edgardo Borella (ITA-Yamaha) +01:16.670; 9. Petr Vorlicek (CZE-Honda-SHR) +01:16.761; 10. AngelKaranyotov (BUL-TM-Team Bulgaria) +01:17.051.

S1 SUPERCHRONO:
1. Thomas Chareyre (FRA-TM) +01:15.241; 2. Ivan Lazzarini (ITA-Honda) +01:15.304; 3. Mauno Hermunen (FIN-TM) +01:15.564; 4. Adrien Chareyre (FRA-Aprilia) +01:16.125; 5. Tomas Travnicek (CZE-Yamaha) +01:16.269; 6. Christian Ravaglia (ITA-Honda) +01:16.396.

SM2 Qualifiche (top ten): Fabrizio Bartolini (ITA-HONDA) +1:17.106; 2. Yuri Guardalà (ITA-HONDA) +01:17.156; 3. Sitniansky Milan (CZE-TM) +01:17.472; 4. Giovanni Bussei (ITA-TM) +01:17.589; 5. Kingelin Asseri (FIN-APRILIA) +01:17.721; 6. Klem Toni (FIN-KTM) +01:17.725; 7. Philipp Prestel (GER-KTM) +01:17.905; 8. Andreas Buschberger (AUT-KTM) +01:18.034; 9. Paolo Gaspardone (ITA-HONDA) +01:18.232; 10. Fredrik Eriksson (SWE-HONDA) +01:18.977.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti