Commenta

Casalmaggiore farà
scuola a Madrid
Un architetto la studia

miguel-architetto_ev

Nella foto l’architetto spagnolo lungo lo scalone del palazzo municipale di Casalmaggiore

CASALMAGGIORE – La Spagna ci studia. E lo fa a livello urbanistico e architettonico. O almeno è questa la verità che sembra emergere dalla curiosa visita di un architetto spagnolo, il suo nome è Miguel, nato in Galizia, a Ourense ma impiegato presso il comune di Madrid, capitale della Spagna proprio per la sua abilità tecnica.

Era curioso sentirlo parlare e cercare, in un italiano stentato (eufemismo) e aggrappandosi a qualche somiglianza con la lingua madre spagnola, di fissare un appuntamento con l’assessore competente, nello specifico Vanni Leoni. Per questo motivo lo abbiamo avvicinato, giovedì mattina, provando a scambiare quattro chiacchiere: è emerso che l’architetto, che si trova in Italia in ferie per dieci giorni, intende studiare l’architettura di piazza Garibaldi e non solo. In particolare Miguel, che sorride quando gli chiediamo di poter scattare una fotografia, è rimasto letteralmente affascinato dal nostro argine maestro e dal panorama del fiume Po. Ora, il Po non è naturalmente “trasportabile”, ma a Madrid, in periferia, passa il corso d’acqua del Manzanarre e ad Ourense, peraltro, passa il fiume più lungo della Galizia, il Minho. Insomma, Miguel ai corsi fluviali è assolutamente affezionato. “Per questo sto prendendo qualche spunto architettonico, da proporre magari al comune di Madrid, per il quale sono consulente” spiega.

In attesa di un colloquio con Vanni Leoni, Miguel si accontenta di raccogliere qualche cartina di Casalmaggiore e dei comuni della Bassa attorno al Po: i suoi studi passano per il momento da qui e da un disegno teorico, ma Miguel tiene talmente al suo lavoro, da avere deciso di sperimentare dal vivo – nonostante il periodo di ferie – le sue sensazioni. E così Casalmaggiore con il suo argine e la sua bella piazza rischiano di fare scuola anche oltre i Pirenei.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti