Commenta

L’International Festival
torna nel tempio del
Museo del Violino

museo-violino_ev

Nella foto un momento del concerto dello scorso anno

CASALMAGGIORE/CREMONA – Entrano nel vivo la XVIII edizione del Casalmaggiore International Music Festival, la kermesse di musica classica che vedrà esibirsi nelle location più suggestive delle terre del Po, fino al 27 luglio, oltre 120 promesse della musica classica da camera provenienti da tutto il mondo e la V edizione del Cremona Summer Festival in programma fino al 10 agosto con un programma ricco di concorsi, masterclass e concerti cui parteciperanno circa 500 persone tra studenti, accompagnatori e insegnanti di strumenti ad arco, di pianoforte e di strumenti a fiato provenienti da più di 28 nazioni del mondo.

Sabato 19 luglio alle ore 21.15 sarà la volta di Cremona, città simbolo della musica classica, e dell’Auditorium “Giovanni Arvedi”, presso il Museo del Violino. La serata, nata dalla collaborazione tra il Festival musicale di Casalmaggiore ed il Cremona Summer Festival, ospiterà il quartetto internazionale Borealis String Quartet cui, per la prima volta in Europa, si unirà l’Artrich String Quartet proveniente da Taiwan per l’esecuzione dell’ottetto per archi di Mendelssohn. Un genere cameristico piuttosto inusuale ma spettacolare a conferma di uno degli obiettivi del festival casalasco: avvicinare al mondo della musica classica anche il pubblico meno esperto.

L’Auditorium risuonerà anche delle note di ispirazione romantica di Moszkowsky, delle modulazioni della sonata in La minore di Schubert e dei Quartetti e Quintetti di Brahms, il tutto interpretato da giovani talentuosi provenienti da USA, Ucraina,  Slovacchia, Armenia, Canada, Sud Africa e Asia del Cremona International Music Academy dal Direttore artistico Mark Lakirovich della JVL Summer School for Performing Arts e dal Direttore artistico Jacob Lakivoch, L’Arvedi sarà infine  teatro di un grande ritorno, quello del pianista russo Georgy Tchaidze, che proporrà una sonata del compositore russo Alexander Skrjabin.

“Il Casalmaggiore International Music Festival è una grande occasione di internazionalizzazione per un territorio, quello delle terre del Po, che ha una tradizione musicale classica importante e sempre viva” – afferma Angelo Porzani, Presidente del Casalmaggiore International Music Festival – I giovani musicisti porteranno nei loro Paesi e in giro per il mondo il ricordo di questa esperienza e la bellezza dei luoghi in cui hanno suonato musica di qualità”.

“Ai tanti giovani di talento che da ogni parte del mondo vengono a Cremona e Casalmaggiore per perfezionarsi – continua Virginia Villa, direttore generale della Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari – siamo lieti di offrire un luogo suggestivo ed unico come l’Auditorium Giovanni Arvedi. Il Museo del Violino, infatti, non solo ospita una delle più importanti collezioni liutarie al mondo ma realizza e collabora ad una straordinaria varietà di iniziative musicali e di approfondimento dove il mondo dei giovani e della formazione è sempre guardato con particolare attenzione”.

La collaborazione del Casalmaggiore International Festival con Cremona sarà rinnovata il 26 luglio, in occasione del concerto nella suggestiva Villa Medici del Vascello a San Giovanni in Croce-Cremona, dimora quattrocentesca appartenuta a Cecilia Gallerani, ritratta ne “La Dama con L’Ermellino” di Leonardo Da Vinci. L’evento, che celebrerà i 130 anni delle relazioni diplomatiche tra l’Italia e la Corea del Sud, vedrà infatti alle ore 19.00 l’esibizione di due musiciste coreane del International Academy of Arts con Direttore Artisico Dirk Verelst nell’ambito del “Cremona Summer Festival”, la violinista Sung-Ju Lee e la pianista Hee-Jeong An, cui seguirà alle ore 21.15 il concerto per violoncello e pianoforte del coreano Sung-Won Yang e del virtuoso della tastiera Enrico Pace nell’ambito del Casalmaggiore International Festival. Il tutto alla presenza dell’ambasciatore coreano S.E. Bae Jae Hyun.

“L’obiettivo del Cremona Summer Festival – dichiara il Presidente Auricchio – è quello di diffondere il brand di Cremona – la liuteria – anche  attraverso l’organizzazione di masterclass non solo per musicisti  professionisti, ma anche per le migliaia di studenti che vogliono vivere l’esperienza unica di suonare nella terra di  Stradivari: un punto di forza da sfruttare in un’ottica di marketing territoriale e di scambio con le imprese artigiane del settore liutario. L’offerta di eventi rappresenta una risorsa strategica  anche in chiave turistica, con effetti positivi sulla competitività del territorio”.

Il Cremona Summer Festival è infatti un festival estivo che funge da contenitore per attività didattiche connesse alle liuteria organizzato dalla Camera di Commercio di Cremona in collaborazione con il Consorzio Liutai “Antonio Stradivari” Cremona, l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Claudio Monteverdi” con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cremona, del Comune di Crema, di Regione Lombardia e di Unioncamere Lombardia.

Nato nel 1996 e organizzato dall’Associazione “Amici del Casalmaggiore International Music Festival”, il Festival di Casalmaggiore è invece parte integrante di un intenso programma estivo di training unico in Europa, perché focalizzato sull’affinamento delle capacità di esecuzione “dal vivo” dei giovani talentuosi provenienti da tutto il mondo che spesso vantano già al loro attivo importanti riconoscimenti internazionali. A loro è affidato il compito di dar vita a concerti unici e originali attraverso la reinterpretazione di opere di grandi musicisti e l’incrocio di stili e generi musicali diversi. Il Festival, che ad oggi ha saputo attrarre oltre mille musicisti, ha ricevuto il patrocinato dell’Ambasciata del Canada a Roma, del Consolato Generale degli Stati Uniti di Milano, dell’Ambasciata della Corea del Sud a Roma e del Ministero italiano Affari Esteri.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti