Commenta

Il tuffo in Po degli
oltre cinquanta
nuotatori ferragostani

saggio-natatorio1-ev

Nella fotogallery, le immagini del Saggio Natatorio di Ferragosto

CASALMAGGIORE – Tutto è filato liscio, come l’acqua densa del Po, che per il secondo anno consecutivo ha accolto il Saggio Natatorio di Ferragosto organizzato dall’associazione delle società canottieri di Casalmaggiore. Un binomio, quello tra Amici del Po ed Eridanea, che ha portato in riva al grande fiume oltre cinquanta bagnanti di tutte le età, superando la quota raggiunta nel 2013 nell’edizione inaugurale di un’iniziativa che i presidenti Paolo Antonini e Marzio Azzoni vorrebbero continuare a proporre anche negli anni a venire. Già dalle ore 9 di venerdì i primi curiosi si avvicinavano alla zona Lido. Mezzora dopo c’era chi provava a testare la temperatura dell’acqua, che alle 10 con una schiera di cinquanta e oltre persone pronte a tuffarsi era ancora freddissima. Non c’è stato un vero e proprio start: intorno alle ore 10,15 l’impazienza dei più ha spinto tutti in acqua, alla spicciolata. Chi di testa, chi a bomba, chi calandosi dalla zattera degli Amici del Po, tutti i partecipanti al saggio natatorio si sono tuffati nel grande fiume.

I palloncini colorati legati al corpo, a segnalare la presenza dei nuotatori: alle bracciate dei canottieri, primi ad approdare all’Eridanea, in tanti hanno preferito lasciarsi cullare dalla corrente, magari sdraiati su un materassino o aggrappati ad un ciambellone galleggiante. Il passaggio a fianco del nuovo attracco, fiancheggiando l’argine popolato di spettatori. Poi sotto i ponti, ferroviario e stradale, quindi l’arrivo: il tutto, sotto l’occhio vigile dei sanitari della Croce Rossa e di diversi diportisti prestati al servizio di sicurezza. La foto di rito all’ingresso dell’Eridanea prima, il rompete le righe poi. Per tutti, la soddisfazione di aver completato a nuoto quel chilometro di fiume che separa Amici del Po ed Eridanea: normalità e tradizione se si guarda al passato, impresa e goliardia se la si coniuga al presente.

Simone Arrighi


© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti