Commenta

Pasotto a Toscani:
“La Rete nasce da iniziative
di Rive Gauche”

silla-daina-bocchi-pasotto-borghesi-ev

Nella foto, da sinistra: Bocchi, Daina, Silla, Borghesi e Pasotto ad un incontro su La Rete

CASALMAGGIORE – “Il ricavato della Festa della Zucca verrà devoluto in parte all’oratorio di San Leonardo che ci offre spazi per la preparazione dei blisgon, e in parte a La Rete per il sostegno delle famiglie casalesi in difficoltà. Un progetto in origine partito dall’idea di un membro degli Amici di Casalmaggiore”. Sono queste ultime parole di Maurizio Toscani, pronunciate in chiosa alla conferenza di presentazione della rassegna enogastronomica in programma in città dal 25 al 28 settembre (vedi link sotto), a spingere l’ex assessore ai Servizi Sociali ed ora consigliere comunale di minoranza Pieluigi Pasotto ad una puntualizzazione. “Probabilmente l’amico Toscani, rappresentato in maggioranza dal Listone, partito con cui si è candidato alle ultime elezioni comunali, essendo impegnato nell’organizzazione della Festa della Zucca si è un attimo confuso”: così Pasotto. “L’esperienza de La Rete, per quanto riguarda il carrello sociale, nasce dalle iniziative che il gruppo Rive Gauche fa da cinque anni e non come spot elettorale. Il progetto, per come poi si è sviluppato, era inserito nel programma del candidato sindaco Claudio Silla già nel 2009. Un programma in cui si spiegava che avremmo creato altre forme di aiuto e sostegno per le fasce più deboli della popolazione casalese, con riferimento ad esempio alla distribuzione di generi di prima necessità. L’iniziativa era quindi stata ideata nel 2009, mentre la Festa della Zucca è nata nel 2012″.

“Il progetto – prosegue Pasotto – è poi è stato integrato dall’amministrazione comunale con altri due pilastri, il sostegno alla salute e quello allo studio, seguiti rispettivamente da Luigi Borghesi e da Paola Daina. Pilastri che sono andati a costituire La Rete, divenuta oggi un punto di riferimento del welfare state a Casalmaggiore oltreché iniziativa a cui guardano con interesse altre amministrazioni comunali”. “La Rete – aggiunge Pasotto – è andata avanti nel corso degli anni anche grazie all’importante contributo di Amurt, del suo presidente Paolo Bocchi e dei tanti volontari coinvolti in numerose iniziative di raccolta fondi”. Il capogruppo consiliare di ‘Casalmaggiore Insieme e le sue frazioni’ e ‘Casalmaggiore la nostra casa verso il 2020’ conclude “augurando agli organizzatori che la Festa della Zucca vada bene e che possa continuare a contribuire al progetto La Rete”.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti