Commenta

San Martino, fuoristrada
Paura e trauma cranico
per un 59enne del paese

fuoristrada-san-martino_ev

Nella foto la scena dell’incidente

SAN MARTINO DEL LAGO – Era appena uscito dal lavoro e stava andando alle scuole di San Martino del Lago per prendere la moglie che lavora appunto all’istituto scolastico. Lungo il tragitto, tuttavia, sulla strada provinciale 87, M. G. classe 1955 di San Martino del Lago è terminato fuori strada con la sua Fiat Panda blu scuro, che ha percorso peraltro almeno un centinaio di metri sull’erba, finendo poi dentro al fossato al termine della corsa. Il sinistro è avvenuto alle 13.45 di mercoledì pomeriggio.

Pare, stando alle prime ricostruzioni fornite da testimoni, che l’uomo stesse superando sulla destra un altro mezzo che percorreva, in direzione del centro paese, la stessa strada. Evidentemente M. G. ha preso male le misure ed è terminato nel fosso: l’auto ha riportato danni alla fiancata, mentre entrambi gli air bag anteriori sono esplosi. Sul posto sono intervenuti un mezzo della polizia stradale di Casalmaggiore, un’ambulanza della Padana Soccorso, un’automedica e anche un mezzo dei Vigili del Fuoco di Cremona, che però è presto rientrato alla base.

L’uomo, infatti, non riusciva a muoversi, incastrato nel sedile guidatore con forti dolori alle gambe e alla testa. Tuttavia M. G. è stato poi trasportato sull’ambulanza senza grossi problemi, pur continuando a lamentarsi delle contusioni subite. Si teme, in particolare, per un possibile trauma cranico: del resto l’uomo, con il volto, ha colpito il vetro anteriore della macchina, scheggiandolo in più punti, come conseguenza della carambola. Per questo motivo M. G., subito soccorso in bicicletta dal figlio che si è tranquillizzato dopo avere visto che il padre era comunque cosciente, è stato trasferito per accertamenti all’ospedale Maggiore di Cremona. Dopo che l’intervento era stato inizialmente etichettato in codice rosso, M. G. è arrivato in ospedale in codice giallo, a indicare ferite di media gravità.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti