Commenta

San Matteo e Torre
pronte ad accogliere
i nuovi parroci

don-rossoni-maffioletti_ev

Foto e testo dal sito della Diocesi di Cremona

SAN MATTEO DELLE CHIAVICHE/TORRE DE’ PICENARDI – Sono tre gli insediamenti dei nuovi parroci in agenda nel fine settimana, due toccano da vicino il Casalasco-Viadanese. Il primo appuntamento sarà nel pomeriggio di sabato 11 ottobre nel Viadanese, a S. Matteo delle Chiaviche, con l’ingresso di don Angelo Maffioletti. Domenica mattina, invece, toccherà a don Giampaolo Rossoni, che prenderà possesso delle parrocchie di Torre de’ Picenardi. Tutte le celebrazioni saranno come consueto presiedute dal vescovo di Cremona, monsignor Dante Lafranconi.

SAN MATTEO DELLE CHIAVICHE

La celebrazione d’ingresso avrà luogo alle 15 presso la chiesetta della Madonna dei Correggioli, a S. Matteo delle Chiaviche, nel Viadanese, l’accoglienza a don Angelo Maffioletti, nominato nuovo parroco delle parrocchie “S. Matteo Apostolo” in S. Matteo e “Nostra Signora di Lourdes e S. Ludovico” ai Sabbioni. Da lì si snoderà la processione che condurrà sino alla chiesa parrocchiale di S. Matteo dove alle 16 avrà luogo la Messa presieduta dal vescovo Lafranconi.

All’inizio della celebrazione il vicario zonale mons. Floriano Danini darà lettura del decreto di nomina. Seguirà l’invocazione dello Spirito Santo sul nuovo pastore e sull’intera comunità. Il nuovo parroco aspergerà quindi l’assemblea con l’acqua benedetta e incenserà la mensa eucaristica. Poi Luisa Oxoli leggerà il saluto della comunità. Al termine della Messa, che sarà animata dalle corali delle due parrocchie, il nuovo parroco prenderà la parola per il saluto alla nuova comunità. Seguirà un momento di rinfresco in oratorio.

Gli altri appuntamenti – In preparazione all’ingresso di don Maffioletti è stato programmato un Triduo nella chiesa di S. Matteo. In particolare mercoledì sera si è svolta la celebrazione penitenziale, presieduta da don Samuele Riva e con don Stefano Zoppi e don Marco Anselmi. Giovedì sera, alle 20.45, Messa celebrata da don Zoppi con riflessione su “Il parroco, guida e pastore”. Ultimo appuntamento preparatorio venerdì con l’adorazione eucaristica presieduta da don Anselmi.

Domenica 12 ottobre don Maffioletti celebrerà l’Eucaristia nella chiesa dei Sabbioni (ore 10.30). a seguire il pranzo all’oratorio di S. Matteo. In serata, nella chiesa dei Sabbioni, “Concerto di canto e pianoforte” come benvenuto al nuovo parroco: al pianoforte Matteo Mantovani, soprani Giulia e Margherita Colombini. Ultimi appuntamenti lunedì 13 ottobre: alle 15.30 la Messa al cimitero; in serata all’oratorio di S. Matteo spettacolo dei bambini e ragazzi “Nell’isola della felicità”.

Biografia del nuovo parroco – Don Angelo Maffioletti è nato ad Arzago d’Adda il 27 aprile 1974 ed è stato ordinato sacerdote il 17 giugno 2006. Licenziato in Mariologia, è stato vicario a Mozzanica (2006-2010) e, poi, presso la parrocchia di S. Michele Vetere in Cremona. Ora il Vescovo lo ha promosso parroco delle parrocchie di San Matteo delle Chiaviche e Sabbioni di San Matteo, nel Viadanese.

TORRE DE’ PICENARDI

La celebrazione d’ingresso si svolgerà la mattina di domenica 12 ottobre a Torre de’ Picenardi l’ingresso di don Giampaolo Rossoni, nuovo parroco delle comunità di Torre de’ Picenardi, San Lorenzo, Pozzo Baronzio e Ca’ d’Andrea. La processione d’ingresso con il nuovo parroco, il Vescovo e gli altri sacerdoti concelebranti, tra cui il collaboratore parrocchiale don Paolo Fusar Imperatore, partirà dalla chiesetta del Castello. Una volta raggiunto il sagrato della parrocchiale di S. Ambrogio il nuovo parroco e il vescovo riceveranno il saluti del sindaco Mario Bassani.

Una volta in chiesa, dopo il saluto liturgico da parte di mons. Lafranconi, il vicario zonale don Claudio Rubagotti darà lettura del decreto di nomina. Seguirà l’invocazione dello Spirito Santo sul nuovo pastore e sull’intera comunità. Il nuovo parroco aspergerà quindi l’assemblea con l’acqua benedetta e incenserà la mensa eucaristica. Poi un rappresentante della comunità porgerà il benvenuto a don Rossoni. La Messa, animata dalla schola cantorum diretta dal maestro Donato Morselli, si concluderà con il discorso del nuovo parroco. Dopo gli adempimenti di rito, con le firme del verbale di insediamento da parte del Vescovo, del nuovo parroco e di un rappresentante per ognuna delle quattro parrocchie come testimoni, l’appuntamento per tutti sarà a Villa de’ Picenardi per il rinfresco.

Gli altri appuntamenti – Due gli appuntamenti per la comunità in preparazione all’ingresso del nuovo parroco: giovedì sera la celebrazione penitenziale presieduta dal vicario zonale don Rubagotti. Venerdì 10 ottobre alle 21 don Paolo Arienti, responsabile diocesano per la Pastorale giovanile, aiuterà a riflettere sul “Rapporto famiglia-oratorio”, prendendo spunto anche dall’intervento di ristrutturazione dell’oratorio.

L’ingresso di don Rossoni sarà salutato invece con il concerto che sabato 18 ottobre alle 21 si terrà nella chiesa di S. Lorenzo. La serata, sotto la direzione artistica del maestro Donato Morselli, vedrà la presenze delle scholae cantorum di Torre e Cividale-Spineda con l’Estudiantina di Casalmaggiore e l’Orchestra di Mantova.

Biografia del nuovo parroco – Don Giampaolo Rossoni è nato a Vailate il 3 gennaio 1962 ed è stato ordinato sacerdote il 18 giugno 1988. È stato vicario a Viadana Castello (1988-1994) e a Casalmaggiore Santo Stefano (1994-2000). Dal 2000 al 2011 è stato presidente della Federazione Oratori Cremonesi e responsabile dell’ufficio diocesano per la Pastorale giovanile. Dal 2002 al 2011, inoltre, è stato presidente dell’associazione “Noi” di Cremona e, dal 2004 al 2011, delegato regionale per la Pastorale giovanile. Dal 2009 al 2011 è stato anche consulente ecclesiastico diocesano del Centro Sportivo Italiano. Dal 2007 al 2011 è inoltre membro del Consiglio pastorale diocesano. Nel 2011 il vescovo Lafranconi l’ha nominato parroco in solido dell’unità pastorale di S. Agata e S. Ilario in Cremona. Ora il nuovo incarico come parroco delle comunità di Torre de’ Picenardi, San Lorenzo de’ Picenardi, Pozzo Baronzio e Ca’ d’Andrea.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti