Commenta

Parma chiama,
Amurt risponde:
nuova raccolta fondi

alluvione-parma_ev

CASALMAGGIORE/PARMA – Non solo l’Africa o le terre lontane come la Siria, della cui situazione si è parlato sabato sera durante una pizzata solidale e benefica a Casalmaggiore; ma anche l’emergenza molto vicina a casa. L’associazione Amurt Italia, che ha nel casalese Paolo Bocchi il presidente a livello nazionale, ha lanciato una nuova raccolta fondi destinata alla città di Parma, duramente colpita dall’alluvione nei giorni scorsi. “L’esondazione del torrente Baganza” spiega lo stesso Bocchi “ha allagato la parte sud ovest di Parma. Cantine, garage e soprattutto coloro che avevano l’appartamento al piano terreno si ritrovano con oltre due metri e mezzo di acqua in casa e hanno subito notevoli danni, hanno dovuto buttare tutto: frigoriferi, stufe, mobili ecc. Per fortuna non ci sono stati danni alle persone ma il danno materiale di coloro che hanno mezzi limitati di sostentamento è stato devastante”.

“Per questo” precisa Bocchi “abbiamo deciso di avviare una campagna di raccolta fondi che servirà ad acquistare le apparecchiature domestiche per le famiglie che hanno avuto l’appartamento alluvionato”. Chiunque voglia può effettuare una libera offerta e una donazione grazie al versamento bancario all’IBAN: IT 42 R 01030 12704 000063153913. La causale da indicare nel versamente è “alluvione Parma”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti