Commenta

L’onda lunga e
benefica dell’Enduro
del Casalasco

enduro-gussola-8-ev

Nella foto, le moto radunate a Gussola

GUSSOLA – Non si è ancora spenta a Gussola la eco dell’ottavo Enduro del Casalasco, disputatosi domenica 12 ottobre, in memoria di Marco Pezzani. Oltre al successo di centauri e pubblico, è l’eredità della manifestazione che resta d’attualità: parte del ricavato verrà infatti devoluto in beneficenza, “è un modo per ricambiare verso le persone meno fortunate”, fanno sapere dal Motoclub Bergamonti, associazione organizzatrice. “Siamo anche soddisfatti perché nel nostro territorio hanno potuto lavorare vari esercizi commerciali, bar e alberghi. Le condizioni di gara perfette, sia meteo che del terreno, hanno portato a Gussola 300 iscritti, piloti che  hanno battagliato nelle due prove speciali una da 4km e l’altra di 5 inserite in un anello di trasferimento da 40km da ripetersi 3 volte. Piloti arrivati da tutta la Lombardia per giocarsi i vari titoli di campioni regionali visto che molte non erano ancora state assegnate. Grande soddisfazione da parte dei piloti e del moto club per aver trascorso una giornata di gara senza problemi.

“I dovuti ringraziamenti – proseguono dal Moto Club Bergamonti – nei confronti di soci e volontari che con impegno hanno contribuito allo svolgimento della gara, coperti dall’assistenza delle ambulanze e dal medico Antonio Tomaiuolo e il suo assistente. Ringraziamo la stazione dei carabinieri di Gussola, il Comitato Regionale Lombardia, il gruppo cronometristi, le varie Protezioni Civili che hanno provveduto alla sicurezza del percorso e le ambulanze della Padana Soccorso. Si ringrazia la Famiglia Pezzani che è stata presente alle premiazioni. Un ringraziamento all’amministrazione comunale al sindaco Stefano Stefano Belli Franzini e al consigliere con delega allo sport Amilcare Boni per la loro disponibilità. Infine ci scusiamo se abbiamo creato problemi con qualche residente sia nella di circolazione o in altre situazioni”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti