Commenta

Ineleggibilità, citazione
per Torchio. I legali:
“Confusione negli atti”

torchio_ev

Nella foto, Giuseppe Torchio

BOZZOLO – Era attesa ma ha fatto comunque rumore la citazione a comparire in Tribunale a Mantova consegnata martedì al sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio. La questione, arcinota, riguarda la sua presunta ineleggilità alla carica di primo cittadino non essendosi dimesso a tempo debito dal ruolo di consigliere comunale che rivestiva presso il Comune di Spineda. “Quando a Bozzolo esplodono casi di assoluta emergenza come i cassa integrati della Cima e il rischio della perdita del nostro Ospedale c’è ancora chi ama evocare questi presunti scandali”: ha dichiarato al telefono Torchio chiaramente turbato. Il sindaco bozzolese ha già affidato la difesa ai legali Paolo Antonini di Casalmaggiore e Antonino Rizzo di Cremona. Quest’ultimo ha spiegato che la citazione è scaturita da un esposto depositato l’11 luglio scorso e che nella giornata odierna (ieri per chi legge)  è  giunto a destinazione . Torchio dovrà presentarsi  in Tribunale a Mantova la mattina del 16 dicembre . Prima di lui verrà sentito anche l’ex sindaco di Rivarolo Mantovano Cerasale implicato in una vicenda similare. “Nella citazione – spiega il legale – viene semplicemente detto che c’è confusione negli atti e che di conseguenza vi è la necessità di chiarire le regole vigenti in materia. Un po’ come è accaduto al sindaco di Piadena Ivana Cavazzini di cui il tribunale di Cremona ha recentemente stabilito di doversi pronunciare collegialmente. La stessa cosa accadrà presumibilmente col mio assistito a Mantova con un rinvio ai prossimi mesi dell’anno nuovo”: riassume  in sintesi l’avvocato Rizzo.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti