Commenta

Calcio, a Boretto
e in Seconda va di moda
l’assalto ai playoff

calcio_ev

Decima giornata di campionato: i tornei lombardi ed emiliani arrivano dunque a un terzo del percorso complessivo e soprattutto alla fatidica cifra tonda che solitamente serve per tracciare i primi bilanci. Difficile essere soddisfatti del cammino della Casalese, che però in Prima categoria Emilia girone A ha se non altro l’occasione di respirare un po’: la squadra di Mantovani sfida in trasferta il Vigolo Marchese, che ha soltanto due punti in più rispetto ai biancocelesti e curiosamente subisce più gol. Una trasferta campale, anche perché la Casalese non ha sfruttato sin qui a sufficienza gli scontri diretti, per uscire dalla zona caldissima.

Sempre in Emilia ma in Prima girone C il Viadana è atteso da una sfida che peserà sul futuro prossimo: a differenza della Casalese il big match si gioca in questo caso al vertice opposto della classifica, quello alto. In casa del Boretto, primo a 19 punti, non si gioca solo un gran derby, ma soprattutto si ha la possibilità di accorciare e sognare in grande (il Viadana ha 15 punti oggi), oppure, in caso di pareggio, a difendere dall’urto della capolista la posizione playoff.

Passando il fiume Po torniamo in Lombardia, dove in Prima girone G il Psg chiede strada e riscatto al Castello Ostiano: non ingannino i numeri. I cremonesi (quasi casalaschi, è un mezzo derby) sono ultimi in classifica, ma era maglia nera pure la Bagnolese, che sconfisse i blaugrana solo sette giorni fa. Non solo: l’Ostiano arriva da 4 punti nelle ultime due gare e ha pure fermato la capolista San Lazzaro. Insomma, serve il successo ma non sarà una passeggiata.

Scendiamo in Seconda, che al solito offre il piatto quantitativamente più importante della giornata. Nel girone I cremonese alla Martelli tocca una sfida pressoché impossibile, contro il Sesto 2010 primo in classifica con 25 punti su 27 conquistati e una difesa che non subisce praticamente mai gol. I giallorossi hanno numero in attacco per fare male, occorrerà capire se saranno sufficienti. Più semplice la gara in casa del Rivarolo contro la Marini, squadra che lotta per salvarsi, mentre di contro Stanga deve dare continuità al bel successo contro l’Acquanegra, big del girone. Un nuovo successo per la prima volta garantirebbe due gioie consecutive ai biancoverdi e consentirebbe di riproporre una serie candidatura ai playoff. Tra color che son sospesi, dopo gli ultimi rovesci, vi è anche il Gussola: i rossoblu affrontano un nuovo scontro diretto e sono chiamati a tornare da Pizzighettone, sponda San Luigi, con punti pesanti per allontanarsi dai playout e magari avvicinarsi ai playoff, al momento non così lontani. Meglio ricordarsi le brutte figure con Baldesio e Grumulus ed evitare altri errori.

In Seconda N mantovana, invece, doppia sfida da playoff per Futura e Pomponesco. Dai due match potrebbe dipanarsi un’alta classifica molto diversa rispetto a quella attuale: il team di Ciccone assalta sul terreno amico il Borgo Virgilio, che è quinto con due punti in più ed è squadra molto aperta con 14 gol fatti e 13 subiti; la squadra di Faglioni, invece, va in casa del Rivalta che è quinto e ha un solo punto in più. Centrare il terzo successo di fila significherebbe riuscire finalmente a entrare nell’agognata zona playoff, che pare essere l’obiettivo più plausibile e concreto, considerando che il Sarginesco in vetta sta prendendo il largo con 22 punti su 27 disponibili. Di fatto, per Pomponesco e Futura, è la grande occasione per lanciare un segnale alla zona che conta della classifica.

Turno di riposo invece in Terza A Mantovana per la Cannetese, che dopo otto sconfitte consecutive si lecca le ferite senza giocare (il numero di squadra nel girone è dispari) e potrà lavorare per cercare il riscatto a partire da domenica prossima: sperando che anche per i rossoblu, che pure non hanno obiettivi di classifica, il campionato possa svoltare.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti