Commenta

Assalto notturno
e inseguimento dopo
la spaccata a Bellaguarda

spaccata-carabinieri_ev

BELLAGUARDA (VIADANA) – Dopo aver forzato una saracinesca hanno abbattuto un muro per arrivare alla stanza del bar che a loro interessava raggiungere. Una parete in cartongesso sottile, ma pure sempre uno strato divisorio che i banditi non hanno avuto esitazioni ad abbattere a colpi di mazza. Il tutto per arrivare ad arraffare qualche bottiglia di superalcolici e poco più. Chissà cosa speravano di recuperare all’interno del ristobar “Cucai”, situato nell’area di servizio Fiorasi e Gnaccarini, il noto distributore che sorge sulla strada tra Viadana e Bellaguarda.

I malviventi, con il segnale dall’allarme messo in funzione, si sono praticamente tirati addosso le forze dell’ordine che in pochi minuti sono giunti sul posto, nel cuore della notte. Evidentemente la luce azzurrognola dei lampeggianti che segnalava l’arrivo dei militari li ha costretti a desistere, costringendoli a scappare velocemente. I militari sono riusciti a tallonare per diversi chilometri una Opel Corsa che avendo avuto qualche minuto di vantaggio è riuscita però a mantenere un distacco tale da  impedire di fermarla. Oltretutto l’inseguimento si è svolto sotto una fitta pioggia, rendendo ancora più rischioso mantenere una velocità elevata.

Ad ogni modo la cattura è stata sfiorata per pochi istanti in quanto i carabinieri della compagnia viadanese hanno potuto vedere cinque uomini scendere velocemente dalla macchina abbandonata davanti ad un passo carraio e fuggire a piedi nei campi, svanendo nella fitta oscurità. Dai rilievi effettuati attraverso la targa si è appurato che la Opel era stata rubata nei mesi scorsi a Dosolo. Per quanto riguarda il bar i danni maggiori, oltre ai prodotti in bottiglia asportati, riguardano la struttura interna del locale che col colpo della notte scorsa è arrivato al non poco piacevole record di cinque assalti notturni subiti ad opera di bande di sconosciuti a cui per ora non è ancora possibile dare un nome né un volto.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti