Commenta

Oglio Po, il nostro
calcio sfida le capolista:
ecco il programma

calcio-dilettanti-ev

Terzultimo turno del girone d’andata dei nostri dilettanti e due match in particolare tengono banco: Casalese e Pomponesco, infatti, se la dovranno vedere, rispettivamente in casa e in trasferta, contro le capolista dei gironi. Partiamo proprio dai biancocelesti che nel girone di Prima A in Emilia Romagna attendono, forti di due successi consecutivi, il Noceto, squadra irreprensibile in casa propria (dove ha collezionato 18 punti su 18) ma che fuori casa ha concesso due ko e un pareggio. Forse non basta per sognare, ma la Casalese degli ultimi turni ha dimostrato di poter stare in categoria e potersi togliere soddisfazioni: logico che il pronostico sia comunque a favore del team parmense.

Altro match tosto, sempre in Emilia ma nel girone C, è quello che tocca al Viadana: la sfida interna al San Prospero Correggio serve ai canarini per poter rientrare nel giro che conta. I reggiani sono quarti ma hanno solo 5 punti più dei gialloblu, che dunque con un successo, in una classifica cortissima, potrebbero accorciare sensibilmente e rivedere la zona playoff da vicino dopo tre ko di fila. Angelo Boni chiede ai suoi uno sforzo di carattere, ora che il gioco s’è un po’ impantanato.

Cambio regione e cambio prospettive per il Psg, che in Prima categoria G, in Lombardia, sfida il Porto 2005: scontro salvezza in piena regola, tra due squadre che, a pari punti a quota 12, occupano le ultime due posizioni dei playout. Aspettiamoci una partita decisa da episodi, magari uno solo, dato che si sfidano secondo e terzo peggiore attacco del girone. Il pari serve poco a entrambe, anche perché fuori dai playout le avversarie iniziano a correre.

Il pezzo forte in Seconda categoria (nel girone N) è Sarginesco-Pomponesco: i blues, ancora a caccia di un nuovo tecnico, per la seconda sfida di fila si affidano all’autogestione, in quella che è probabilmente la trasferta peggiore che potesse capitare, in casa di una capolista dai grandi numeri, che vanta il migliore attacco, la miglior difesa e che ha perso per strada sin qui solo 7 punti. Dalla testa alla coda: nello stesso girone la Polisportiva Futura ospita la Villimpentese scesa all’ultimo posto, nonostante una certa propensione a segnare (13 gol in 12 gare, non male per un fanalino di coda) e a pareggiare (5 segni “x”). I biancorossi hanno già sprecato sin troppi punti contro le piccole: ora è il momento di fare bottino pieno per accorciare rispetto al quarto posto.

In Seconda cremonese (girone I) invece spazio allo scontro diretto di centro classifica tra Sported e Gussola in programma al Maristella: la posizione attuale, ibrida, non dice molto, ma chi vince può sognare i playoff, mentre chi perde rischia qualcosa (anche se dietro non corre nessuno). Di fatto una sfida che può avere implicazioni importanti per il futuro. Deve vincere il Rivarolo in casa della Sospirese, attualmente ultima squadra invischiata nei playout: la squadra di Stanga vuole riprendere il percorso interrotto dal ko interno contro l’Olmese e, considerando che le prime due piazze si stanno staccando (e vige sempre la famosa regola dei 9 punti), non può permettersi di perdere punti. Obiettivo diverso per la Martelli, che dopo un periodo con più ombre che luci ospita il malmesso Persico Dosimo, in piena zona rossa: se il team di Agazzi vince, vola via e stacca la griglia di chi soffre e dovrà giocarsi la salvezza agli spareggi. Il Dosimo, secondo peggiore attacco e terza peggior difesa, non può fare paura.

Chiude il programma, come di consueto, il girone di Terza A mantovano: la Cannetese è attesa da un derby interprovinciale, l’unico del girone, contro i vicini di casa del Torre Icio Ferrari. Dopo una stagione iniziata sotto i migliori auspici l’anno scorso, quest’estate i torrigiani si sono ridimensionati e hanno solo 3 punti in più dei rossoblu che dunque, vincendo la seconda sfida consecutiva dopo il 3-0 al Malagnino, scalerebbero una ulteriore posizione.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti