Commenta

Pro Loco, maggio
è vicino: Vallari invita
al rinnovo del consiglio

vallari-casalmaggiore-ev

Nella foto Marco Vallari e il comune di Casalmaggiore

CASALMAGGIORE – La Pro Loco di Casalmaggiore si rinnova. O meglio, lancia l’invito ai cittadini perché questo sia possibile. Scade infatti nel 2015 il mandato del presidente Marco Vallari e dell’attuale consiglio d’amministrazione: così nel consiglio dello scorso mercoledì, lo stesso cda ha voluto scandire e mettere nero su bianco tappe precise nel percorso di avvicinamento al rinnovo delle cariche associative. L’ultima elezione suscitò qualche polemica da parte di alcuni cittadini, perché l’elezione si svolse troppo a ridosso dell’avviso circa la stessa e questo non favorì le possibili candidature all’interno della Pro Loco (per un problema di “longevità” delle cariche per poter essere elettori attivi e/o passivi.

Stavolta il presidente Vallari ha inteso annunciare il rinnovamento con largo anticipo. “Vogliamo incrementare la base associativa della Pro Loco, contribuire al lavoro di aggiornamento e rinnovamento dell’ente. Parole d’ordine sono: idee nuove, nuove tecnologie e tanto spirito di servizio. Il periodo in cui viviamo ed operiamo rende necessario che la Pro Loco si apra sempre più verso l’esterno e verso il coinvolgimento di altre realtà associative locali, pur nel rispetto degli spazi di azione di ognuna, poiché i numerosi esempi di collaborazioni effettuate nel corso degli ultimi anni (ad esempio le iniziative natalizie in corso) stanno dando preziose indicazioni su quale sia la strada da seguire. Il tutto ovviamente senza perdere di vista la “mission” principale che è quella di conservare e tramandare le tradizioni locali, la cultura del territorio incentivando qualunque iniziativa sia utile a tale scopo”.

Valori precisa che il “lavoro” del volontario non è semplicissimo e deve coinvolgere cittadini davvero motivati, tracciandone un profilo anche tecnico, per così dire. “Non vorrei scoraggiare chi vuole avvicinarsi alla Pro Loco” scrive “ma per correttezza devo dire che il lavoro da svolgere nel nostro Ente è impegnativo e variegato anche se l’entusiasmo per raccogliere le nuove sfide è sempre elevato. Per operare in Pro Loco è necessario essere pronti a tenere rapporti istituzionali con le Amministrazioni Pubbliche (Comune, Provincia e Regione, GAL Oglio Po eccetera) e con altre importanti realtà locali ma non solo; occorre saper usare bene computer, tablet e nuove piattaforme di comunicazione; avere qualche nozione in materia di amministrazione;  avere capacità organizzativa, disponibilità di tempo durante la settimana (disponibilità  che deve essere per lo meno garantita durante lo svolgimento degli eventi) nel rispetto degli impegni e delle necessità di ciascuno. Non da ultimo, occorre poter garantire anche il lavoro manuale e pratico per l’allestimento dei numerosi appuntamenti durante l’anno. Il servizio prestato in Pro Loco (come Presidente, Vice, Segretario,  Consigliere o semplicemente Socio), viene svolto esclusivamente a titolo gratuito ed essendo un’associazione di volontariato, ovviamente, non si percepisce alcun gettone di presenza. I requisiti che ho citato (escluso il fatto di svolgere le attività gratuitamente) non sono tutti obbligatori per aderire, ma credo sia doveroso illustrarli  e specificarli per dimostrare innanzitutto come in Pro Loco ci sia lavoro per tutti quelli che desiderano partecipare ed in secondo luogo per sottolineare che esistono funzioni adatte ad ogni attitudine personale e ad ogni competenza. Insomma, da noi c’è sempre qualcosa da fare ed ognuno può contribuire in base alle proprie possibilità ed alla propria esperienza. Tutto questo anche per mantenere l’Associazione al passo coi tempi e snellire tutte le operazioni complesse che stanno dietro ad ogni singola attività che viene svolta”.

Da qui l’intenzione di muoversi in anticipo, rispetto alla scadenza fissata per maggio. “Allo scopo di favorire l’ingresso di nuove leve, associati e simpatizzanti, nell’ultima riunione, pur non avendo stabilito una data certa per ovvi motivi (ci sono adempimenti burocratici da rispettare che possono far variare, anche se di poco, la data), il Consiglio ha individuato, rispettando alla lettera lo Statuto dell’associazione, la prima metà del mese di maggio 2015 quale periodo in cui si svolgerà l’Assemblea dei Soci nella quale si terranno le elezioni. Teniamo a precisare fin da subito che, per avere diritto di voto attivo e passivo, ovvero per poter esprimere le proprie preferenze e/o candidarsi ad entrare nel nuovo Consiglio di Amministrazione per il triennio 2015-2018, chi è già socio deve obbligatoriamente rinnovare l’iscrizione entro il 30 marzo 2015 mentre i nuovi soci dovranno fare domanda di iscrizione entro e non oltre il 31 gennaio 2015, ovvero almeno tre mesi prima dalla data dell’Assemblea considerando i tempi tecnici di convocazione. La modalità di voto sarà quella prevista dalle norme di legge vigenti in materia di associazionismo ovvero ogni socio potrà esprimere il proprio voto ma potrà essere anche delegato esplicitamente da altro socio ad esprimere un secondo voto (qualora impossibilitato a partecipare alle elezioni) utilizzando l’apposito modulo che verrà inviato a tutti i tesserati. E’ possibile avere una sola delega per ciascuno, contenente il nome del delegante ed il nome del delegato”.

“Si tratta in sostanza di un “mestiere” impegnativo” ricorda ancora una volta Vallari “ma che può dare grandi soddisfazioni come solo un’attività di volontariato può offrire. Se poi il risultato del proprio lavoro va a vantaggio di Casalmaggiore e dei suoi cittadini la soddisfazione si moltiplica. Come ribadito già in precedenza la Pro Loco è aperta a tutti, in particolare a quelli che hanno tempo e voglia di lavorare per la nostra città, pertanto aspettiamo a braccia aperte (e con le maniche rimboccate) chiunque voglia salire a bordo”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti